Home Casoria Lavori pubblici, Parco Boccaccio e potenziamento della rete idrica: a Casoria è...

Lavori pubblici, Parco Boccaccio e potenziamento della rete idrica: a Casoria è in atto un profonda rigenerazione urbana

405
0

È sotto gli occhi di tutti che a Casoria in questo periodo sia in corso una profonda trasformazione urbanistica che punta a conformare gli standard cittadini a quelli delle più avveniristiche città italiane. Un lavoro portato avanti dal primo cittadino Raffaele Bene e dalla sua giunta, i quali si sono fatti promotore di numerosi interventi di riqualificazione che negli ultimi tempi hanno interessato vari punti nevralgici di Casoria. Molte sono però le opere che saranno interessare da lavori di ammodernamento e ristrutturazione nel biennio 2022-2023 inserite nel Piano Triennale approvato dal Consiglio Comunale insieme al Bilancio, che andrà a interessare alcuni edifici di interesse pubblico.

Tra gli interventi degni di nota da segnalare la messa a norma del plesso Carducci-King. La scuola secondaria di primo grado sarà infatti interessata da un’opera di rifacimento di duecento mila euro, che vedrà il suo termine nel 2023. Verrà  inoltre ultimata la riqualificazione di via Nazionale delle Puglie nel tratto dal ponte autostradale alla rotonda Cittadella, la messa in sicurezza di via Lepori, la riqualificazione dell’ex Tribunale per servizi sociosanitari, dell’edificio comunale di Piazza Cirillo, dell’area militare dismessa di via Boccaccio e del periferico quartiere del “Parco dei Pini”. Saranno profondamente ristrutturate la caserma dell’Arma dei Carabinieri di via Pio XII e la Chiesa del Carmine di via Cavour.

Oltre ai già citati interventi, verranno erogati importanti finanziamenti all’asilo comunale sito in via Castagna, che punta a essere il fiore all’occhiello della città, e alla rete idrica comunale, che, dopo i malfunzionamenti della scorsa estate, sarà interessata da importanti lavori di potenziamento. In questo senso, saranno erogati in due anni quasi un milione di euro che andranno a sostenere l’efficientamento energetico del centro storico, che finalmente potrà risolvere uno dei suoi più annosi problem. Infine sarà completato il sottopasso del quartiere Stella, in modo da decongestionare il traffico nella zona, e vedrà la luce la tanto attesa casa dello studente sita nel Parco Michelangelo, un’infrastruttura tanto importante quanto fondamentale per lo sviluppo della città di Casoria.

Articolo precedenteNatale di speranza o incertezza a noi la scelta
Articolo successivoVia Matteotti albero precipita su edificio
Non penso che tutti i rapporti dei servizi segreti siano scottanti. Alcuni giorni apprendo di più dal New York Times (cit.). Se esiste il diritto di cronaca esisterà anche quello di raccontare, perché un buon giornalista non è quello che scrive, ma quello che parla tacendo.