Il Difensore Civico della Regione Campania ha indirizzato al Sindaco Raffaele Bene un invito a mettere in campo ogni azione necessaria ad adottare, secondo le previsioni di Legge, le misure necessarie per il funzionamento degli organismi di partecipazione.

In altri termini, si tratta di adeguare lo Statuto alle previsioni in materia di partecipazione diretta (referendum consultivi, abrogativi), a quanto pare non ancora attuati dall’Amministrazione.

La circostanza era stata segnalata allo stesso Difensore Civico circa un anno fa dal Movimento 5 Stelle, così come ricordato dalla stessa consigliera Elena Vignati, la quale via social rivendica l’iniziativa ed ora pubblicizza la risposta della Regione Campania con soddisfazione.

Adesso tocca all’attuale amministrazione compiere i passi necessari per provvedere; in caso di inadempienza e trascorsi trenta giorni, spetterebbe ad un commissario ad acta intervenire.

Non si tratterebbe, ovviamente, di un commissariamento dell’Ente, ma di designare un incaricato di adempiere al precipuo scopo di attuare il provvedimento, con oneri a carico del Comune.

Il M5S segna, dunque, un punto a suo favore nel recente botta e risposta con le istituzioni cittadine, in particolare su ciò che riguarda i regolamenti ed in generale il funzionamento della macchina comunale; staremo a vedere quale sarà la risposta di Bene e della Giunta.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •