Home Casoria Vigile suicida, in lutto la Polizia Locale

Vigile suicida, in lutto la Polizia Locale

5383
0

Il comando della Polizia Locale è stato sconvolto nel pomeriggio di ieri dalla notizia del suicidio del Luogotenente Aristide De Marco, che avrebbe compiuto 58 anni tra pochi giorni. Uomo buono e dedito al dovere aveva visto negli ultimi tempi rallentare la sua operatività a causa di problemi di salute dai quali però si era ripreso. Tanto che era tornato stabilmente a ricoprire il suo ruolo al Nucleo di Polizia Amministrativa.  
Solo in casa, in un giorno in cui era libero dal servizio, si è sparato con la pistola d’ordinanza nella sua camera da letto. A trovarlo rincasando la moglie le cui urla disperate hanno sollecitato i vicini che hanno avvisato i Carabinieri. La notizia è arrivata rapidamente anche ai colleghi, per primi quelli in servizio che si sono precipitati sul posto ma poi a tutti gli altri che si sono radunati commossi presso il comando di via Castagna, dove il Luogotenente De Marco era molto ben voluto. 
Presso l’abitazione del vigile suicida sono giunti anche il sindaco, Raffaele Bene, l’assessore alla Polizia Municipale, Vincenzo D’Anna e via via vari esponenti dell’amministrazione comunale tra cui il presidente del Consiglio Comunale, Andrea Capano. Oltre naturalmente al Comandante della Locale, Giuseppe Sciaudone, tra i primi ad essere avvisato dai Carabinieri. 
Al Corpo della Polizia Locale di Casoria è andato il cordoglio di molti cittadini che si trovavano a passare sul luogo e successivamente quello degli altri corpi di Polizia Locale della zona. Un gesto estremo che accende un faro sulle condizioni estreme di lavoro di molti operatori delle forze dell’ordine. Una morte drammatica che lascerà un vuoto incolmabile in coloro che lo hanno voluto bene ma che speriamo serva a rimettere al primo posto il valore umano che c’è dietro al lavoro degli uomini e delle donne della Polizia Locale. 

Articolo precedenteInaugurata la scuola ad Arpino
Articolo successivoIl secondo poker in 4 giorni fa sognare Napoli
Ha iniziato l'attività giornalistica come cronista nel 1994, ancor prima di conseguire la Laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II (2003). Formatosi presso il settimanale della Curia Arcivescovile di Napoli "Nuova Stagione" e presso un periodico locale "Casoria Due" distribuito nella provincia a nord del capoluogo, ha svolto numerose collaborazioni quotidiani di rilievo regionale, in qualità di corrispondente dal comprensorio dei comuni a nord di Napoli. Tra le testate dove ha pubblicato propri servizi ed articoli: Il Roma, Il Giornale di Napoli, La Città, Metropolis e presso il quotidiano on-line Napoli.com. A partire dal 1999, all'attività di free lance, ha associato il lavoro presso Uffici Stampa di Enti Pubblici, tra cui la Provincia di Napoli, il Comune di Casoria, il Comune di Qualiano e l'Agenzia "Città del Fare". Nel settore della carta stampata è stato Caporedattore della rivista specializzata nel mondo della disabilità “Noi, gli altri, edita dall'A.I.A.S. (2004); è stato fondatore e direttore del settimanale "L'Urlo" edito nell'area giuglianese (2006) nonché fondatore e direttore del settimanale free press "Laltrolato" pubblicato nell'area nord di Napoli (2008). Nel settore radio-televisivo è stato redattore del radiogiornale di "Radio Ombra Sound" (1998) e collaboratore di trasmissioni di intrattenimento politico presso la televisione locale Tele Club Italia (2007). È stato direttore del Tg dell'emittente web UnicaChannel .