Home Politica Videointervista al Sindaco di Casoria Raffaele Bene

Videointervista al Sindaco di Casoria Raffaele Bene

470
0

di Maria D’Anna – Emergenza sanitaria, progetti per opere pubbliche, scuola e rapporti con enti sovraordinati: questi gli argomenti trattati dal sindaco di Casoria Raffaele Bene in una recente videointervista. Circa l’ emergenza sanitaria causata dal Covid ha evidenziato come tutti i problemi relativi alla città non si affrontano da soli ma con la collaborazione tra tutti, sindaco, giunta, consiglio comunale, dirigenti e dipendenti comunali. Specificamente al tema ha affermato che l’ emergenza non è ancora superata, ma certamente la situazione è migliorata, anche se negli ultimi giorni i dati fanno registrare una leggera crescita del fenomeno pandemico da tenere sotto controllo. Un fenomeno che ha conseguenze sociali, economiche e psicologiche da affrontare per dare un sostegno concreto alla comunità cittadina con l’ indispensabile sostegno soprattutto del governo nazionale. Riguardo i progetti per le opere pubbliche partono dal risanamento dei conti che si sta attuando per uscire dal dissesto finanziario per programmare poi la nuova città. È stato approntato il piano triennale per le opere pubbliche che, grazie al recupero di finanziamenti significativi, permetterà tra l’ altro l’ adeguamento della rete idrica, la riqualificazione di diverse opere pubbliche per la frazione di Arpino e, sempre per questa zona, la riqualificazione di cinquecento costruzioni di edilizia residenziale. Per quanto riguarda la scuola ha rimarcato l’ importanza della stessa in presenza per evitare rischi di devianza giovanile anche se, davanti a bollettini meteorologici della Protezione Civile regionale e sentiti il comandante della Polizia Municipale, l’ assessore al ramo e anche i sindaci dei comuni confinanti può temporaneamente rendersi necessaria la chiusura delle stesse come degli spazi pubblici per salvaguardare l’ incolumità della popolazione, minacciata ad esempio da caduta di alberi di alto fusto. Infine in materia di rapporti con gli enti superiori ha elogiato il Presidente del Consiglio Mario Draghi quale figura di garanzia è quello della Regione Vincenzo De Luca che ha spesso, a suo dire, ha anticipato provvedimenti poi presi a carattere nazionale in materia di emergenza sanitaria chiedendo poi alla Città Metropolitana una visione amministrativa che non ponga solo Napoli al centro dell’ attenzione ma tenga giustamente conto di tutti i comuni che vi fanno parte. Dichiarazioni, a detta di molti osservatori della politica cittadina, che sostanzialmente non dicono nulla di nuovo. Non si parla dello stato attuale del risanamento finanziario. Si parla di progetti, soprattutto per Arpino, promessi da tantissimi anni e mai effettivamente realizzati. Si parla di emergenze spesso frutto purtroppo di mancata efficienza. Si sa ad esempio che gli alberi di alto fusto creano problemi. Quindi non andavano piantati e si evitava il problema all’ origine. Si spera che queste intenzioni non formino il libro dei sogni (espressione usata proprio dal sindaco nell’ intervista per indicare cosa non vogliono essere per lui) e che una volta tanto, dopo decenni, si tratti di reali progetti presto realizzati concretamente. 

Articolo precedentePosti H, intensificati i controlli
Articolo successivoOpen day, vaccini anti-covid19
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli