Home Casoria Vent’anni senza Stefano Ciaramella

Vent’anni senza Stefano Ciaramella

390
0

2 Settembre 2001 – 2 Settembre 2021, esattamente vent’anni. Da quel maledetto giorno in cui una mano criminale ha spezzato la giovane vita di Stefano Ciaramella,  vittima innocente della criminalità. 
Erano da poco passate le 23 e quel vicolo di via Padova era più scuro del solito. Proprio da quel buio vennero fuori i rapinatori, tre ragazzi di Afragola di cui due maggiorenni all’epoca dei fatti, che si fecero consegnare il motorino. Fu il tentativo di molestia verso la giovane fidanzatina da parte di uno di loro che fece scattare la reazione di Stefano, dall’indole tranquilla, ma per nulla capace di sopportare le ingiustizie. 
Durante la colluttazione a Stefano viene inferta una coltellata che gli risulta fatale nonostante l’intervento di alcuni abitanti della zona che soccorrono il ragazzo. 
La morte sopraggiunge pochi dopo, una tragedia che segna per sempre la famiglia Ciaramella, notissima in città per le attività imprenditoriali del padre Mauro. 
Come ogni anno nel luogo della rapina si è svolta una cerimonia in ricordo di Stefano e di tutte le vittime innocenti della criminalità tra i presenti la sorella Antonella, già consigliere regionale, che ne tiene vivo il ricordo perché non si dimentichi il contributo che donne e uomini innocenti hanno pagato in questa continua lotta della società civile contro la criminalità. 

Articolo precedente“Aiutaci ad aiutare”, il motto della Onlus “Medicina Solidale San Ludovico da Casoria”
Articolo successivoSport e disabilità nel Torneo dell’Amicizia
Ha iniziato l'attività giornalistica come cronista nel 1994, ancor prima di conseguire la Laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II (2003). Formatosi presso il settimanale della Curia Arcivescovile di Napoli "Nuova Stagione" e presso un periodico locale "Casoria Due" distribuito nella provincia a nord del capoluogo, ha svolto numerose collaborazioni quotidiani di rilievo regionale, in qualità di corrispondente dal comprensorio dei comuni a nord di Napoli. Tra le testate dove ha pubblicato propri servizi ed articoli: Il Roma, Il Giornale di Napoli, La Città, Metropolis e presso il quotidiano on-line Napoli.com. A partire dal 1999, all'attività di free lance, ha associato il lavoro presso Uffici Stampa di Enti Pubblici, tra cui la Provincia di Napoli, il Comune di Casoria, il Comune di Qualiano e l'Agenzia "Città del Fare". Nel settore della carta stampata è stato Caporedattore della rivista specializzata nel mondo della disabilità “Noi, gli altri, edita dall'A.I.A.S. (2004); è stato fondatore e direttore del settimanale "L'Urlo" edito nell'area giuglianese (2006) nonché fondatore e direttore del settimanale free press "Laltrolato" pubblicato nell'area nord di Napoli (2008). Nel settore radio-televisivo è stato redattore del radiogiornale di "Radio Ombra Sound" (1998) e collaboratore di trasmissioni di intrattenimento politico presso la televisione locale Tele Club Italia (2007). È stato direttore del Tg dell'emittente web UnicaChannel .