Home Eventi Venerdì 30 settembre la presentazione del libro di Romolo Bianco : “Iodipiù”

Venerdì 30 settembre la presentazione del libro di Romolo Bianco : “Iodipiù”

71
0
piatto_bianco“Una scrittura immediata e densa, capace di emozionare e scandalizzare senza svilirsi nei clichè”. Armida Parisi (Il Roma)
Continua il viaggio suggestivo di “iodipiù”, il libro con il quale il cantante e scrittore napoletano (originario di Casoria) Romolo Bianco esplora una Napoli lontana dai cliché, oltre Gomorra, raccontando il malinconico malessere di una quotidianità silenziosa, che guarda il mondo dal buco della serratura o, per dirla con Peppe Lanzetta, autore della prefazione, “un fiume disperato eppure vitale, un fiume di tenerezze mai riposte, di amori contrastati, di trasgressioni all’amatriciana, di polpette da ingurgitare aspettando un sonno salvifico eppure assassino”. Nella periferia orientale di Napoli, prende forma l’esistenza di una famiglia piccolo borghese, una come tante. Don Mario, che vende tappeti al mercato: si alza che fuori è notte e all’alba è già in giro, polvere e sudore, mille pensieri e altrettanti caffè. Marito e padre assente, tutto silenzio e rughe, che incrocerà gli occhi di Berta, trans della Ferrovia. Una figura non spettacolarizzata, lontana dalla caricaturizzazione imperante: un ragazzo che ha paura di amare. Il loro è un incontro casuale ma non banale, di quelli in grado di modificare il corso delle cose. Anche nell’immobilismo del dietro le quinte della vita. Don Mario a casa però ha Lucia che lo aspetta; l’ha messa incinta che era una studentessa, quella ragazza che sognava l’aristocrazia napoletana, e che poi un giorno si è risvegliata che viveva a Casoria e aveva due figlie già grandi. Marta, l’orgoglio di mammà, è una brillante laureanda in Medicina; Anna, invece, la scuola l’ha lasciata anzitempo, e adesso sogna solo di sposare il suo Lino, uno senza arte né parte, null’altro da offrire se non il suo cuore e il suo amore. Anna piange spesso, tra pile di piatti da lavare e fornelli da sgrassare, quindi stira, mette in ordine e rassetta, in un giorno che è sempre uguale. Fino a quando una scoperta non arriverà a capovolgere un mondo fatto di colori sbiaditi – grigio a perdita d’occhio, grigio senza soluzione di continuità – e odori tristi – quello acre degli pneumatici che ardono ai margini delle statali, accanto al puzzo di piscio dei vicoli. A far da sfondo la calura insopportabile di certe estati a Napoli, il sapore metallico di notti lunghissime in cui tutto può accadere, e inconsapevoli burattini dal destino già segnato, cui non è concesso un altro giro di giostra.
Biblioteca Comuna di Casoria – Venerdì 30 Settembre – ore 17:30
Presentazione del romanzo di Romolo Bianco
“Iodipiù”.
Prefazione di Peppe Lanzetta.
Pironti Editore.
Interverranno:
Sindaco di Casoria avv. Pasquale Fuccio
Avv. Emilio Polizio
Articolo precedente31 anni dalla scomparsa di Giancarlo Siani, un Murales per ricordarlo
Articolo successivoA Napoli la prima conferenza in Italia dei Difesori civici d’Europa
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli