Il 13 novembre è la giornata mondiale della gentilezza che dal 1998 si festeggia in tutto il mondo come World Kindness Day dall’ idea del Japan Small Kindness Movement, fondato nel 1988 a Tokyo mentre in Italia è stata introdotta dal 2000.
Ma in cosa consiste la gentilezza al giorno d’oggi? In cortesia, buone maniere, educazione e in atti di generosità. Sorridere a un estraneo per strada, ascoltare un amico davanti a un caffè e non solo dietro ad uno schermo, cedere il posto a un anziano sui mezzi pubblici, spiegare la tecnologia ai nostri nonni.. bastano piccoli gesti come questi per far star bene qualcuno e trarne anche noi dei benefici fisici e psicologici.
Secondo quanto riportato da “Ansa.it”, in base a uno studio pubblicato nel 2015 su Clinical Psychological Science la gentilezza contrasta gli effetti negativi dello stress, fa bene alla salute cardiovascolare, aumenta l’autostima, si ha meno depressione e una migliore pressione sanguigna.

Buddha ha detto: “La gentilezza dovrebbe diventare il modo naturale della vita, non l’eccezione.”

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •