Home Cronaca & Attualità Un Capodanno senza botti. Dagli animali ai bambini, meglio evitare i fuochi...

Un Capodanno senza botti. Dagli animali ai bambini, meglio evitare i fuochi d’artificio

240
0

di Andrea Papaccio Napoletano – Con il Capodanno ormai alle porte, arriva altresì il momento di festeggiare l’ingresso nell’anno nuovo. Un rito che, soprattutto a Napoli e provincia, è celebrato con numerosi fuochi d’artificio che, puntualmente, trasformano le strade delle nostre città in un vero e proprio teatro di guerra. Feriti, ustionati e quando va male anche tanti morti: è questo il bilancio a cui siamo abituati a leggere ogni mattina di Capodanno, quando, terminata l’esaltazione e la festa senza regole, tocca fare i conti con gli strascichi di quella che è ormai diventata una piaga da debellare.

Non solo fuochi legali venduti in centri autorizzati, ma anche, e soprattutto, pericolosi giochi pirotecnici smerciati da rivenditori illegali e abusivi che a breve affolleranno ogni piazza, strada e angolo della nostra città. Attenzione dunque a chi vende e in particolare a cosa si compra, dato che molti dei fuochi venduti da rivenditori improvvisati quasi sempre non rispettano le più basilari norme di sicurezza, mettendo in questo modo a repentaglio la sicurezza e la vita di chi li utilizza e dell’intera comunità. Si pensi infatti ai bambini e agli animali, spaventati e confusi dal rumore dei fuochi d’artificio che inquinano la tranquillità della notte di San Silvestro, la quale dovrebbe essere una festa per tutti, grandi e piccini.

A riportare ferite sono sovente anche gli animali, che, oltre ai traumi psicologici causati dallo shock, sono spesso colpiti in maniera più o meno grave dagli stessi botti, che, oltre a causare danni alle persone ne creano anche alla natura circostante. È per questo motivo che da tempo, anche a Casoria, le autorità competenti e la protezione civile si impegnato per sensibilizzare la cittadinanza contro i fuochi d’artificio. Tante sono infatti le modalità per salutare l’anno vecchio e accogliere quello nuovo, a partire dai più sicuri giochi di luce, ormai alternativa che, si spera, andrà a sostituire anche in Italia, e soprattutto al sud, i pericolosi quanto inquinanti fuochi d’artificio.

Articolo precedenteCasoria: concerto dell’Epifania alla parrocchia S. Maria delle Grazie
Articolo successivo2022, il Governo punta alla endemia con i vaccini e pass sempre più rafforzati per non fermare il Paese
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli