“Gli 8 milioni di euro approvati sotto forma di ricapitalizzazione dalla Città metropolitana rappresentano poco meno che una toppa per Ctp. La verità è che al sindaco de Magistris manca una strategia vera per i trasporti pubblici provinciali”. Lo dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale della Campania, Ermanno Russo.

“Il pagamento degli stipendi rientra fra le spese obbligatorie della Compagnia, non è un atto che guarda al futuro, di prospettiva, come ci saremmo aspettati da chi un giorno dice di puntare a guidare la Regione e il giorno dopo di puntare addirittura a guidare il Paese”, rincara l’esponente azzurro.

“Vorremmo sapere, ad esempio, che fine ha fatto la partita delle indicizzazioni arretrate dell’ISTAT, relative al contributo chilometrico. Le 700 famiglie di Ctp hanno il diritto di conoscere il loro destino, non meritano di essere condannate al caos e magari di essere costrette anche a ringraziare per aver ricevuto, fuori tempo e con mille disagi, lo stipendio del periodo estivo. Tra due mesi saremo punto e daccapo”, spiega Russo.

“De Magistris non ha risposto – aggiunge Ermanno Russo – all’unica domanda utile per il futuro dei lavoratori e per il futuro del servizio di trasporto pubblico della provincia di Napoli e della Campania: cosa vuol farne di Ctp?”.  “Se non chiarisce a se stesso e all’opinione pubblica questo interrogativo, ogni atto e determinazione della Città metropolitana è e resterà soltanto un pannicello caldo”, conclude il consigliere regionale di Forza Italia.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •