Home Cronaca & Attualità Tragedia sul lavoro muore Annibale Leoncino, proprietario dell’omonima azienda di trasporti

Tragedia sul lavoro muore Annibale Leoncino, proprietario dell’omonima azienda di trasporti

738
0

Tragedia a Casoria nella giornata di ieri: a seguito di un terribile incidente, è venuto a mancare il noto imprenditore Annibale Leoncino, noto per essere il proprietario della rilevante azienda di trasporti omonima. Come riportato da varie testate nazionali, la morte del sessantacinquenne sarebbe avvenuta dopo essere stato accidentalmente investito da un dipendente della sua stessa ditta intento a eseguire una manovra di parcheggio. Inutili i tentativi di rianimarlo effettuati dagli operatori del 118, che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’uomo, molto conosciuto nell’area nord di Napoli. Durante le verifiche di rito svolte dalle forze dell’ordine, l’autobus che ha causato il mortale sinistro è risultato regolarmente assicurato ma ciò non ha impedito che venisse sequestrato dalle autorità per espletare l’iter dei rilievi, che ha compreso anche il gli accertamenti per verificare l’eventuale assunzione di alcolici o stupefacenti al trentunenne alla guida del mezzo.

Sconcerto e tristezza in città per la morte di un illustre concittadino, tragicamente scomparso dopo aver reso in vita numerosi servizi alla comunità, che sempre gliene sarà grata. Le spoglie di Annibale Leoncino sono attualmente a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che nelle prossime ore ne disporrà l’autopsia e in seguito la renderà alla famiglia per la celebrazione della cerimonia funebre. Da parte della redazione tutta del Giornale di Casoria le più sentite condoglianze alla famiglia Leoncino.

Articolo precedenteConsigli Comunali approva il Bilancio Consolidato tra le polemiche
Articolo successivoProseguono le iniziative di solidarietà per il popolo Ucraino
Non penso che tutti i rapporti dei servizi segreti siano scottanti. Alcuni giorni apprendo di più dal New York Times (cit.). Se esiste il diritto di cronaca esisterà anche quello di raccontare, perché un buon giornalista non è quello che scrive, ma quello che parla tacendo.