Home Sport Toro spietato. Battuta la Virtus Liburia.

Toro spietato. Battuta la Virtus Liburia.

44
0

6 (3)Ritmi intensi, pressing ossessivo da una parte e dall’altra, alto livello delle giocate. Un match da categorie superiori quello che va in scena al Comunale di Trentola Ducenta, dove si sfidano per la sa giornata del Girone A di Prima Categoria la Virtus Liburia e la Polisportiva Acerrana. Alla fine la spuntano gli ospiti, dopo una partita tutta grinta e passione, che vede i granata passare in vantaggio, nella ripresa, con la zuccata di Passaro e la complicità del portiere Greco, e trovare poi l’estasi con la rete al 90’ del ritrovato beniamino di casa Acerrana: il bomber Mimmo Panico.
La partita – La Liburia affronta l’Acerrana facendo leva sui suoi pezzi forti. Sulle ali fremono da una parte Russo, dall’altra Garofalo. Alle spalle dell’attaccante Serio si aggira il funambolico Cangiano. Mister Telemaco Russo, tecnico acerrano, conferma il modulo che gli ha permesso di ottenere sette punti nelle ultime tre uscite, con alcune variazioni, negli interpreti, che vedono l’innesto di Ponticelli per Di Buono, a contrastare le giocate sull’out sinistro di Russo, e di Petrella per l’infortunato Lo Prete, uscito malconcio dal match con il Cirgomme. Proprio l’attaccante Petrella suona la carica per i granata all’inizio del match, con un tiro di sinistro al 7’ che termina di poco a lato alla sinistra del portiere Greco. Sempre il numero 7 granata, particolarmente ispirato, ci riprova al 14’, ma la frustata, questa volta di destro, sfiora il palo alla destra del portiere neroverde e termina a lato. La Liburia si fa viva al 20esimo quando Cangiano si libera in area e calcia di destro, con il tiro che diventa pericoloso a seguito della deviazione del difensore granata Rivetti, ma termina, seppur di poco, a lato alla destra della porta difesa dall’estremo difensore granata Cerreto. Al 27’ è De Micco a scaldare i guanti del portiere della Liburia con un tiro di destro da posizione defilata. Lo stesso De Micco, al 45’, ha tra i piedi l’occasione più nitida: tutto nasce dall’inserimento palla a piede in area di Sais che semina il panico tra i difensori neroverdi e giunto sul fondo serve l’attaccante granata, appostato in area, il quale però spara clamorosamente alto.
Sull’occasione sfumata dai granata termina la prima frazione.
Nella ripresa cresce ancor di più l’intensità del match, con entrambe le squadre alla ricerca dello spunto per sopraffare gli avversari.
Al 60’ mister Russo cala l’asso nella manica e inserisce il ritrovato capocannoniere dello scorso anno, Mimmo Panico, in luogo di Petrella. A centrocampo Russo e Messina non concedono respiro ai playmakers neroverdi. Proprio Messina al 75’, con un tiro da fuori, si conquista il corner decisivo: dalla bandierina va Sais, la traiettoria è perfetta, così come il terzo tempo di Passaro. Rivedibile, invece l’intervento del portiere Greco, che, di fatti, è l’ultimo a toccare prima che il pallone si insacchi in rete. L’Acerrana è passata: e 0-1.
Conquistato il vantaggio, gli uomini di Russo alzano il pressing e non concedono metri agli avversari, che arrancano alla ricerca degli spazi per trafiggere la difesa acerrana. Al 78’ ci prova Cangiano, con un tiro di destro da buona posizione che termina però alto. All’81esimo stessa sorte tocca al tiro del neo entrato Gifuni. Gli acerrani respingono con mestiere gli attacchi degli avversari e sfruttando la velocità del neo entrato Petrone provano a far male in contropiede. Al 90’ arriva la rete che chiude i conti: sembra una favola, ma il sinistro di Panico che trafigge Greco è tutt’altro che illusorio. La corsa sotto la tribuna, con le mani vicino le orecchie a godersi il boato del suo popolo, tanto era mancata ai tifosi granata. Il bomber è tornato e con lui il Toro può continuare a scatenarsi.
Fabio Sposito – Ufficio Stampa a.s.d. Polisportiva Acerrana
MARCATORI: Passaro al 76’, Panico al 90’ (A)
VIRTUS LIBURIA (4-3-3): Greco, Bouchoucha, Guadagno, Troisi (dall’80’ Troisi), Raimondo, Chianese, Russo, Masiello (dal 67’ Masiello), Serio, N. Cangiano, Garofalo (dall’82’ Garofalo).
A disp.: Nugnes, G. Cangiano, Rallo, Froncillo. All. Fiorito
ACERRANA (4-3-3): Cerreto, Piscopo, Passaro, Rivetti, Ponticelli, Russo, Messina, Sais (dal 77’ Tufano), Petrella (dal 60’ Panico), De Micco, Assanti (dal 70’ Assanti).
A disp.: Giacomo Busto, Di Buono, Divino, Guido Busto. All. Russo
ARBITRO: Russo di Caserta.

NOTE: Spettatori 150 circa. Ammoniti: Cangiano, Masiello, Bouchoucha (VL); Russo, De Micco (A).

Articolo precedenteCasavatore. Il Comandante Piricelli designato al consorzio cimiteriale. Nomina a costo zero senza percepire l’indennità
Articolo successivoMezzo miliardo per Bagnoli e Terra dei fuochi dal governo. De Luca approva, ma da oggi conteranno solo i fatti.
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli