La rigenerazione urbana è un processo fondamentale per preservare la dignità di un territorio accostandola ad una bellezza duratura, le iniziative sociali sono il motore per apportare cambiamenti concreti alle falle del territorio in cui si vive. Terranostra crede in tutto questo e lo fa attraverso un impegno concreto e umile che si concretizza attraverso piccoli ma sinceri passi che col tempo faranno la differenza, proprio ieri sulla loro pagina Facebook è stato pubblicato un post a riguardo:

” Il verde abbandonato di via Calvanese/via Alfieri, Casoria, è detto anche ” parco delle arti ” perchè tempi addietro il Comune aveva individuato l’ area per la realizzazione di una cittadella delle arti. Le ombre del malaffare e inchieste giudiziarie ne hanno arenato la progettazione. Esiste tutt’ ora un uso civico di questo terreno abbandonato al degrado, invaso da erbacce e rifiuti di vario tipo: un attraversamento pedonale su un sentiero sterrato. Questo sentiero passa a pochi metri dal muro di cinta di Terranostra e vorremmo concretizzare l’ idea di unire quest’ area della città all’ esperienza del verde liberato di via Boccazzio. Gli abitanti devono essere liberi di decidere per il proprio territorio, vogliamo che le istituzioni si facciano carico delle dovute bonifiche riguardanti le poche aree verdi della città e il nostro invito è quello di partecipare alle prossime iniziative per avere una città e un futuro migliori! ”

Messaggi molto chiari arrivano dal luogo verde che col tempo ha saputo ritagliarsi un pezzo di storia della città, una realtà che crede ancora nella natura e fa di tutto per innalzarla. Ci auguriamo che questo messaggio diffuso prima attraverso i social e adesso attraverso il giornale possa arrivare alla giusta attenzione istituzionale, Casoria ha bisogno di cambiamenti ed è arrivato il momento di attuarli. Un caloro saluto al popolo di Terranostra!

 

 

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •