Dopo quatto anni, il vigile Michele Liguori di Acerra, è stato riconosciuto vittima del dovere. Era stato annientato da due tumori, lui che si era sacrificato nella ricerca della verità e che era riuscito a scoprire e denunciare la presenza di numerose discariche di rifiuti tossici. L’Inps aveva dato parere positivo alla nomina, ma il Ministero dell’Interno non aveva accettato. Il riconoscimento è arrivato dopo il ricorso presentato dai legali della moglie di.

Ad annunciarlo è stata Maria Di Buono, la moglie, attraverso i social: «Il mio Michele è stato finalmente riconosciuto vittima del dovere. Un fatto importante per far sì che il lavoro, il sacrificio e la memoria di mio marito non andassero perduti e dimenticati».
Foto: Il Mattino
Condividi su
  • 27
  •  
  •  
  •  
  •