La nuova tecnologia sostituisce i vecchi sistemi di riscossione automatica che hanno dato tanti problemi ai cittadini e all’Asl negli anni passati, essa è costituita da totem dotati di touch screen che consentiranno di pagare i ticket di visite e prestazioni, senza bisogno di effettuare lunghe file agli sportelli della Asl.

“Qui a Frattamaggiore abbiamo sperimentato questa nuova tecnologia nello scorso mese – dice l’Ingegner Salvatore Flaminio, direttore del servizio di Tecnologie Informatiche e Ingegneria clinica dell’Asl – Sapevamo che la vera sfida non era tecnologica ma nell’interfaccia tra il cittadino e la macchina. Per questo nei primi giorni di attività abbiamo affiancato e formato i ragazzi della scuola infermieri deputati a orientare i cittadini che dovevano pagare il ticket. In realtà abbiamo capito subito che si trattava di una precauzione eccessiva. L’interfaccia del nuovo sistema è immediato e di semplice comprensione per tutti.”

Il numero di transazioni effettuate dal Totem: oltre 3 mila operazioni nel corso del primo mese di attività, conferma quanto la nuova tecnologia sia risultata efficace.

Oltre che nel Distretto di Frattamaggiore i totem saranno installati anche presso le sedi degli altri 13 Distretti Sanitari e presso gli ospedali di Frattamaggiore, Giugliano, Pozzuoli e Ischia.

Questi nuovi dispositivi di pagamento, inoltre, permettono al cittadino anche di scaricare online la ricevuta, così da poterne detrarre le spese. “Questo è solo uno step – conclude l’ingegnere Flaminio –   di un percorso che abbiamo intrapreso da tempo e che punta a semplificare il rapporto tra i cittadini e la Pubblica amministrazione. Purtroppo, a causa di complessità amministrative e organizzative, non è stato possibile intervenire prima per la sostituzione dei vecchi  sistemi di riscossione automatica con questi nuovi totem che, nel prossimo futuro, permetteranno anche di prenotare le visite e gli esami”.

Si tratta dunque di una vera e propria rivoluzione culturale che pur se lentamente sta abituando anche le persone più anziane ad aderire alle nuove modalità e soprattutto a fidarsi della tecnologia, così come è stato rilevato proprio in quest’occasione, cioè con l’uso dei totem soprattutto da parte di un utenza over 65.

A tal fine si coglie l’opportunità per ribadire che quello tra anziani e tecnologia è un binomio vincente che, se curato con attenzione, potrebbe offrire molti vantaggi ad una fascia di popolazione sempre più ampia. Se è vero infatti che la televisione resta il canale di informazione preferito, va detto che sono sempre di più gli anziani che ricorrono agli strumenti più tecnologici (pc, tablet, smartphone) con le finalità più varie: informarsi sull’attualità, monitorare la propria salute, effettuare pagamenti, mantenersi in contatto con i propri cari.

Per tradurre in numeri, l’Istat rileva che oggi il 25,6% delle persone tra 65 e 74 anni utilizza Internet, il 12,6% tutti i giorni. Una crescita vertiginosa se si considera che nel 2003 solo il 4,4% delle persone appartenenti alla stessa fascia di età aveva familiarità con il computer e il web. Un trend, inoltre, destinato a crescere ancora poiché, nella fascia di età tra i 60 e i 64 anni, usa Internet regolarmente il 45,9% della popolazione.

L’auspicio è che nel prossimo futuro diventi sempre più solida l’alleanza fra “Anziani e tecnologia” con l’obiettivo comune di monitorare il proprio stato di salute. Direttamente dal proprio cellulare e, quindi, da casa con un solo click, dedicarsi a molteplici attività quali:

  • Accedere a prestazioni sanitarie;
  • Verificare le liste d’attesa per un esame;
  • Monitorare i tempi di attesa nel Pronto soccorso più vicino;
  • Visualizzare i referti di alcune visite mediche;
  • Pagare il ticket;
  • Controllare la disponibilità della guardia medica;
  • Individuare la farmacia più vicina aperta.

Non in tutte le Regioni italiane le Asl infatti   hanno organizzato, sviluppato e promosso applicazioni di questo tipo, tuttavia il trend è chiaro e possiamo aspettarci che fra qualche anno aumenterà la diffusione di questi servizi.

Condividi su
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •