Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli Nord, su proposta della Consigliera, Avv. Linda Maisto e con voto unanime del Consiglio, ha deliberato di chiedere ai Comuni di collocare delle strisce rosa per le donne in gravidanza o con bambini al di sotto dell’anno di età presso tutti gli Uffici Giudiziari del circondario di Napoli Nord. Dopo l’approvazione della delibera, il Presidente del COA di Napoli Nord, Avv. Gianfranco Mallardo, ha inviato una lettera a tutti i comuni chiedendo di supportare l’iniziativa. La prima Città ad aderire è stata Casoria, che ha deliberato di segnalare con strisce rosa due stalli di parcheggio davanti gli uffici del Giudice di Pace di Casoria per le donne in gravidanza e per quelle con minori di età inferiore ad un anno.

C’è grande entusiasmo per l’iniziativa, sia presso il COA di Napoli Nord che presso il Comune di Casoria. Le strisce saranno inaugurate il 9 marzo 2020 alle ore 10.00, in occasione della Festa della Donna. Alla cerimonia di inaugurazione saranno presenti sia i rappresentanti del Comune di Casoria che dell’Ordine degli avvocati.

Il sindaco di Casoria, Avv. Raffaele Bene, ha osservato: “Come sindaco ed avvocato è per me un’occasione importante per dimostrare la sensibilità ed il rispetto che la mia amministrazione nutre nei confronti delle mamme professioniste. Sono contento, come amministratore locale, di essere chiamato ad affrontare e risolvere un problema che può sembrare all’apparenza piccolo solo per coloro che non si trovano nelle condizioni delle mamme che lavorano ed in particolare dedite alla libera professione. Sono oltremodo onorato di andare incontro, nei limiti delle mie possibilità, alle esigenze degli ordini professionali e sarò sempre pronto a rispondere, come in questo caso, alle richieste che perverranno anche in futuro”.

Il Presidente del COA di Napoli Nord ha espresso la più viva soddisfazione per l’iniziativa e anche per la pronta adesione del Comune di Casoria. L’Avv. Mallardo ha dichiarato: “Gli spazi di collaborazione fra gli ordini professionali e le istituzioni locali sono tanti e devono essere ancora pienamente sviluppati. Da queste collaborazioni possono nascere importanti benefici per categorie che sono oggettivamente svantaggiate, sotto certi aspetti, come le mamme professioniste”.

La Consigliera dell’Ordine, Avv. Maisto, ha sottolineato che: “Iniziative come quella delle strisce rosa sono un piccolo aiuto per le professioniste mamme in un momento in cui sono sottoposte a pressioni notevoli sia della vita familiare che professionale. Se vogliamo impedire che le donne professioniste percepiscano la maternità come un aut aut e quindi come qualcosa da rinviare sine die, occorre fornire una mano. Le donne professioniste sono sicuramente meno protette rispetto alle dipendenti e occorre intervenire a fondo e con diversi strumenti di cui le strisce rosa sono solo un primo piccolo passo”.

 

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •