Home Casoria Strade groviera, la riparazione solo in emergenza.

Strade groviera, la riparazione solo in emergenza.

159
0

La pioggia che ancora sta cadendo sulla nostra città in queste ore sta provocano notevoli danni alle strade, provocano buche stradali profonde e pericolose in varie zone della città.

Il fenomeno si verifica a causa dello stato vetusto dell’asfalto ed alle crepe che sono provocate dalla circolazione continua dei veicoli.

L’acqua piovana, incuneandosi nelle crepe d’asfalto solleva il manto che letteralmente esplode al passaggio dei veicoli. Un fenomeno tanto più ampio quanto sono forti le piogge.

Anche oggi non sono mancati interventi d’urgenza messi in atto dalla Polizia Municipale che con i propri uomini e i suoi, limitati, mezzi è intervenuta per riparare tra l’altro le buche più pericolose che si sono aperte sulla Circumvallazione nel tratto che collega la frazione Arpino al centro di Casoria.

Numerose sono tuttavia le segnalazioni di buche stradali presenti in via Nazionale delle Puglie, in via Principe di Piemonte, via Nenni ed in tanti altri punti della città meno trafficati.

Un pietoso elenco di buche che per il persistere del maltempo e per la carenza di uomini e mezzi potranno essere riparate solo lentamente, molto poco tempestivamente rispetto alle esigenze.

Senza contare che diverse strade meriterebbero un intervento strutturale piuttosto che sporadici riparazioni, peraltro compiute in emergenza. Per le quali urge da parte dell’amministrazione comunale un attento piano di intervento con relativo stanziamento di risorse in bilancio.

Articolo precedenteLettera aperta al sindaco da parte di alcuni consigliere di maggioranza, tra cui i componenti di “Obiettivo Comune”: «Urge maggiore trasparenza. Confronto tra la maggioranza unica soluzione»
Articolo successivoMaradona, Sepe e Iovino uniti nell’arte per celebrare il grande campione
Ha iniziato l'attività giornalistica come cronista nel 1994, ancor prima di conseguire la Laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II (2003). Formatosi presso il settimanale della Curia Arcivescovile di Napoli "Nuova Stagione" e presso un periodico locale "Casoria Due" distribuito nella provincia a nord del capoluogo, ha svolto numerose collaborazioni quotidiani di rilievo regionale, in qualità di corrispondente dal comprensorio dei comuni a nord di Napoli. Tra le testate dove ha pubblicato propri servizi ed articoli: Il Roma, Il Giornale di Napoli, La Città, Metropolis e presso il quotidiano on-line Napoli.com. A partire dal 1999, all'attività di free lance, ha associato il lavoro presso Uffici Stampa di Enti Pubblici, tra cui la Provincia di Napoli, il Comune di Casoria, il Comune di Qualiano e l'Agenzia "Città del Fare". Nel settore della carta stampata è stato Caporedattore della rivista specializzata nel mondo della disabilità “Noi, gli altri, edita dall'A.I.A.S. (2004); è stato fondatore e direttore del settimanale "L'Urlo" edito nell'area giuglianese (2006) nonché fondatore e direttore del settimanale free press "Laltrolato" pubblicato nell'area nord di Napoli (2008). Nel settore radio-televisivo è stato redattore del radiogiornale di "Radio Ombra Sound" (1998) e collaboratore di trasmissioni di intrattenimento politico presso la televisione locale Tele Club Italia (2007). È stato direttore del Tg dell'emittente web UnicaChannel .