Home Eventi Storia dell’arte e fumetto si fondono in un incontro a Napoli. Milo...

Storia dell’arte e fumetto si fondono in un incontro a Napoli. Milo Manara al Comicon 2015

290
0

caravaggio manaraLa città di Napoli, accoglie l’arte grafica del fumetto. Le tavole disegnate si potranno ammirare dal 30 Aprile al 3 Maggio 2015 presso i padiglioni della Mostra D’Oltremare, dove risiederà il Napoli Comicon, salone Internazionale del fumetto. Evento di punta di quest’anno sarà la mostra dedicata al fumettista Milo Manara. Il maestro veronese, è stato nominato “magister” della kermesse, cioè figura con poteri decisionali nelle scelte culturali ed espositive del Salone. Il celebre autore del “Gioco”, in veste di magister, ha assolto al compito di creare un’icona simbolo del Festival, che lo omaggia riepilogandone la carriera ed i successi, raccontata tramite 120 disegni, affiancati da scenografie e risorse audiovisive. L’omaggio dell’artista ai napoletani sarà allietato da un incontro col pubblico il 29 Aprile presso il P.A.N di Napoli, dove Manara ha precedentemente esposto. Il Comicon vedrà inoltre l’esclusiva della prima esposizione dell’opera “La tavolozza e la spada” di Manara, che avrà il lancio ufficiale alla presenza del suo autore.

L’opera a fumetti è dedicata al celebre pittore barocco Michelangelo da Merisi comunemente conosciuto come Caravaggio, ed è stata frutto di un lavoro elaborato che ha avuto una lunga genesi. La storia di Caravaggio è raccontata con veridicità che si attiene a fonti storiche ed è concreta, tuttavia Manara riesce ad imprimere la sua tipica cifra stilistica di stampo fantastico con notevole creatività. Le tavole grafiche, aprono scenari nell’immaginazione dei fruitori, sulle tumultuose vicende della vita del maestro lombardo, dal suo arrivo a Roma poco più che ventenne intorno al 1592, alla sua fuga dalla città nel 1606, in seguito all’accusa d’omicidio a suo discapito ed alla condanna a morte. Il ritratto del Caravaggio affidato alla penna di Manara, si assicura di avere una chiave di lettura con un’interpretazione volta ad accentuare i caratteri tipici della personalità del pittore come le passioni, gli eccessi, il suo rapporto con le donne. Le tematiche appassionanti ed avventurose dei fumetti di Manara, la carica di sensualità e le irrefrenabili passioni dei suoi personaggi, possono considerarsi affini all’atmosfera respirata nei dipinti del celebre pittore barocco. Questa infatti è intrisa di un realismo forte, quotidiano, quasi carnale, che racconta sacralità e natura umana, fino ad arrivare al tormento, al delirio personale, trasferito nelle allegorie figurative, che ritraggono il Caravaggio condannato a morte.

Il racconto di Caravaggio di Milo Manara, è sia proposta grafica che dono artistico, esprime bellezza e fascino con il linguaggio sintetico ed immediato del fumetto diretto ai conoscitori del genere, che si estende anche ai cultori della storia dell’arte tramite le scelte cromatiche usate in toni accesi ad hoc e l’utilizzo di forti contrasti chiaroscurali per trasmettere tutto il pathos degli scenari Caravaggeschi. La precarietà degli eventi capitati a Caravaggio, le situazioni scomode, trovano nelle vignette con le frasi scritte e nei dialoghi essenziali, tutta la rapidità comunicativa, che si esprime col fumetto in maniera ideale.

L’opera a fumetti pubblicata da Panini Comics, è articolata in 2 volumi. Il primo sarà disponibile in tutte le librerie e fumetterie a partire dal 30 Aprile nei formati “Regular” ed “Artist Edition”.