Home Editoriale Stesso Presidente, diverso settennato

Stesso Presidente, diverso settennato

419
0

Sergio Mattarella è stato rieletto Presidente della Repubblica italiana. Primo nella storia ad essere nominato per la seconda volta, circostanza non prevista dalla Costituzione e che lo stesso Mattarella aveva sottolineato più volte. Era successo anche a Giorgio Napolitano di essere rieletto ma in quel caso con la ferma prospettiva di non durare sette anni, cosa che – Dio lo protegga – farà Sergio Mattarella. 
Ma nonostante in Italia alla fine sia prevalsa la volontà di mantenere invariato l’assetto istituzionale per garantire la stabilità in questo difficile momento storico c’è da giurare che il secondo settennato di Mattarella non sarà uguale a quello passato ma completamente diverso. 
Questo per il modo in cui si è arrivati alla rielezione del Capo dello Stato. All’ottavo scrutinio i partiti dell’arco parlamentare sono arrivati letteralmente a pezzi. Addirittura i leader politici hanno dimostrato un tale livello di incapacità che fa pensare che la sera del 29 gennaio 2022, alle ore 20.20,  sia finita la seconda repubblica. 
Esce a pezzi il centrodestra: con Forza Italia che ancora rimane attaccato ai dictat di una vecchia cariatide come Silvio Berlusconi (che addirittura si voleva far assurgere al colle del Quirinale, sob…!!), incapace di far emergere nuovi leader tra i diversi è capaci esponenti che ne fanno parte; con la Lega, condotta al massacro da quel fanfarrone di Matteo Salvini. Fossi in Maria Elisabetta Casellari, Giorgia Meloni, Mara Carfagna, Licia Ronzulli, Maria Stella Gelmini, Anna Maria Bernini lo chiuderei in una stanza e lo picchierei con i tacchi a spillo. La sua demagogia sulla possibilità di eleggere una donna al Quirinale ha offeso il ruolo delle donne in politica. 
Esce a pezzi il centrosinistra: con il Movimento Cinque Stelle che è passato in questa legislatura dall’impeachment a Mattarella, con leader Luigi Di Maio alla supplica per farlo restare a capo della Repubblica, con leader Giuseppe Conte rimanendo dilaniato al suo interno, con gente che in privato non si saluta neppure; con il Partito Democratico che sembra portarsi dietro la sindrome dei perdenti e dietro l’eccessiva pacatezza da intellettuale del suo leader Errico Letta si dimostra incapace com’è di parlare all’elettorato di sinistra sui temi del lavoro, della lotta alla povertà, della riforma del welfare, del caro tariffe; con tutti gli altri partitelli come Italia Viva, Azione, Socialisti, Verdi impegnati ad assicurarsi la sopravvivenza attraverso il ricatto di togliere il loro appoggio alla maggioranza. 
In questo quadro c’è da giurare che mentre il Governo Draghi condurrà l’Italia fuori dalla pandemia – e speriamo verso la piena ripresa economica – ci saranno rese dei conti in entrambi gli schieramenti politici dai risultati imprevedibili. 
Ma tramontata la seconda repubblica perché si arrivi ad una terza che sia migliore della precedente è necessario che sia riformata la legge elettorale con la fondamentale reintroduzione delle preferenze per l’elezione dei parlamentari. 
È di vitale importanza per la democrazia italiana che sia il popolo a scegliere le persone capaci di assurgere a leader politici, premiando chi dal basso ha ben amministrato o chi dimostra alto senso delle Istituzioni. Il livello di stupidità di molti parlamentari – eletti oggi per la sola indicazione da parte dei partiti – dimostrato in questi giorni è stato ripugnante. 

Articolo precedenteFurti, rapine e aggressioni in serie. È emergenza criminale
Articolo successivoCovid, da oggi scattano le nuove misure. Cosa cambia
Ha iniziato l'attività giornalistica come cronista nel 1994, ancor prima di conseguire la Laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II (2003). Formatosi presso il settimanale della Curia Arcivescovile di Napoli "Nuova Stagione" e presso un periodico locale "Casoria Due" distribuito nella provincia a nord del capoluogo, ha svolto numerose collaborazioni quotidiani di rilievo regionale, in qualità di corrispondente dal comprensorio dei comuni a nord di Napoli. Tra le testate dove ha pubblicato propri servizi ed articoli: Il Roma, Il Giornale di Napoli, La Città, Metropolis e presso il quotidiano on-line Napoli.com. A partire dal 1999, all'attività di free lance, ha associato il lavoro presso Uffici Stampa di Enti Pubblici, tra cui la Provincia di Napoli, il Comune di Casoria, il Comune di Qualiano e l'Agenzia "Città del Fare". Nel settore della carta stampata è stato Caporedattore della rivista specializzata nel mondo della disabilità “Noi, gli altri, edita dall'A.I.A.S. (2004); è stato fondatore e direttore del settimanale "L'Urlo" edito nell'area giuglianese (2006) nonché fondatore e direttore del settimanale free press "Laltrolato" pubblicato nell'area nord di Napoli (2008). Nel settore radio-televisivo è stato redattore del radiogiornale di "Radio Ombra Sound" (1998) e collaboratore di trasmissioni di intrattenimento politico presso la televisione locale Tele Club Italia (2007). È stato direttore del Tg dell'emittente web UnicaChannel .