Home Area Nord di Napoli Sparatoria a Sant’Antimo. Dall’ipotesi di rapina a una probabile spedizione punitiva

Sparatoria a Sant’Antimo. Dall’ipotesi di rapina a una probabile spedizione punitiva

167
0

Terrore a Sant’Antimo. Nel primo pomeriggio di sabato un gruppo di malviventi esplode tre colpi d’arma da fuoco in un negozio di articoli casalinghi in via Garibaldi. Ferita la titolare.

Sono da poco trascorse le 14, quando i malviventi- in pochi minuti-, sparano e riducono in frantumi la vetrina di un negozio santantimese. Poi, entrano e col calcio della pistola feriscono la titolare dell’esercizio. La donna, quasi trentenne, è subito trasportata all’Ospedale S. G. Moscati di Aversa per essere medicata. Immediato l’arrivo dei carabinieri della Compagnia di Giugliano in Campania, diretta dal capitano Antonio De Lise.

Sventata l’ipotesi di una rapina, perché i malviventi non portano via nulla dal negozio, nuovi particolari emergono ora dalle indagini. Si batte, difatti, la pista dell’intimidazione personale o, addirittura, della spedizione punitiva: la donna è la compagna di Filippo Ronga, personaggio vicino ai clan di Sant’Antimo e latitante da quasi quattro anni.

Articolo precedenteHamilton vince per la quinta volta il Gp di Shangai: bene Vettel secondo
Articolo successivo“Biciclettata per i Beni Comuni”: un successo che porta il nome di “Terranostra”
Nato a Napoli nel 1988, dopo la maturità classica, mi laureo in Conservazione dei Beni Culturali, indirizzo Musica e Spettacolo, e più tardi in Editoria e Giornalismo. Amo leggere libri, soprattutto i classici, il cinema in ogni sua declinazione e l' arte nelle sue molteplici forme. Per diletto e passione, scatto foto e scarabocchio su fogli di carta sparsi qua e là. Chissà, magari un giorno riuscirò a coronare il sogno di essere giornalista e anche scrittore.