Home Casoria Sorveglianza autoparco Casoria Ambiente. Dubbi e chiarimenti a confronto

Sorveglianza autoparco Casoria Ambiente. Dubbi e chiarimenti a confronto

226
0

Le richieste di informazioni e chiarimenti, i dubbi sulla correttezza e la trasparenza nelle procedure di gara sono atti sempre delicati da seguire, spesso frutto di eccesso di zelo ma altrettanto spesso naturale conseguenza di ricerche e perplessità che possono celare o apparire come innaturali modi di fare.

“Opacità ed omissioni” è l’input dal quale partiamo per ricostruire un batti e ribatti tra l’amministrazione nella persona del Sindaco Fuccio e la portavoce del Movimento  cinque stelle Elena Vignati.

La gara di affidamento del servizio di vigilanza autoparco Casoria Ambiente, ne è l’oggetto.

Provando a ricostruite il batti e ribatti epistolare.

In data 25 settembre 2018 la portavoce del Movimento 5 Stelle protocollava, a mezzo PEC, un’interrogazione urgente riguardante la gara sulla vigilanza dell’auto parco di Casoria Ambiente s.p.a., la consigliera Vignati chiedeva informazioni circa l’inizio della procedura di gara per l’affidamento esterno del servizio di vigilanza, quanti e quali erano le offerte economiche pervenute e  la ragione sociale delle ditte e se, nel caso di specie, era stata ammessa l’autocertificazione per attestare il rispetto dei requisiti di partecipazione da parte delle ditte che hanno aderito all’avviso pubblico.

In data 10 ottobre 2018 il Sindaco risponde all’interrogazione allegando nota dell’amministratore unico di Casoria Ambiente per fornire informazioni circa lo stato degli atti della gara.

Da tale nota si evince che la procedura di gara è stata una procedura aperta indetta attraverso la piattaforma telematica del Me.Pa. gestita da Concita S.p.A.

Trattasi di servizio di vigilanza attiva non armata, gli operatori economici abilitati sono accreditati quindi presso la Consip s.p.a. e per tale procedura sono state richieste le documentazioni ed abilitazioni specifiche per le quali è ammessa l’autocertificazione.

Essendo inoltre in tale data ancora non chiusa la procedura non era possibile conoscere i partecipanti.

Non s’è fatta però attendere la replica dura della Vignati che ha dichiarato

“La confusione regna sovrana , il 25 Settembre interrogammo il Sindaco sulla gara indetta dalla Casoria Ambiente per il servizio di vigilanza dell’autoparco della società in house .
Questa mattina ci arriva la risposta dell’A.D. di Casoria Ambiente che ci conferma l’utilizzo dello strumento della autocertificazione e ci invita gentilmente a verificare sul sito gestito da Consip S.p.a. . Ebbene stamattina abbiamo effettuato le nostre ricerche , impossibile reperire la gara sul sito indicato con le informazioni in nostro possesso , Cig- Rdo , data di pubblicazione e scadenza .
Inserendo però il cig semplicemente su google abbiamo scoperto che la gara , con lo stesso cig è stata modificata , ci sono due gare con scadenze diverse”
continua ponendosi domande che sollevano non pochi dubbi sull’esaustività della nota.

“Perché la procedura ha subito modifiche ? Perché è stata rifatta ? Come al solito si utilizzano giri di parole per rendere arduo l’esercizio del controllo sugli atti amministrativi dei consiglieri comunali e degli stessi cittadini”.

L’ammontare della spesa per la sorveglianza è di circa € 186.000,00 oltre alla contestata utilità di tale servizio è l’opportunità di tale servizio in un momento nel quale la società Casoria ambiente è già oggetto di molte criticheci a suscitare ulteriori perplessità.

Articolo precedenteSigilli per un ristorante a Casoria
Articolo successivoStorie di tutti i giorni. Una cura per l’ansia…
Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali (cit.). Fondiamo le prime con l'educazione ed il senso civico , mentre le ali, la speranza di un futuro migliore, si conferiscono con il buon esempio di chi in prima persona si batte per ciò in cui crede. partendo da studi classici ritengo che la scrittura sia un ottimo strumento per farlo.