u78-628628.600Tennis, calcio, pallavolo, pianoforte, violino, chitarra, corsi di lingua: il tempo “extrascolastico” dei bambini diventa sempre più impegnativo e molto spesso tutte queste attività non sono scelte in base ad una reale passione da parte dei bambini stessi o da loro specifiche attitudini, ma altro non sono che proiezioni di vecchie aspirazioni di mamme e papà! Mai come in queste scelte invece l’ascolto dedicato da parte dei genitori diventa fondamentale ed importante, affinché ogni bambino possa sentirsi “accolto” con empatia e capace di poter essere guidato alla scoperta delle sue passioni vere. Solo ascoltando i propri figli, infatti, le loro naturali inclinazioni e i loro talenti, potremo aiutarli in una società densa di competizione come la nostra ed offrire loro quella reale possibilità di misurarsi, che si tramuterà poi utile in vari campi e spettri della loro vita da adulti. Punto fondamentale sarà quindi non assalire i bambini con un’inutile ansia di avere tutto il loro tempo libero occupato in svariate attività al fine di acquisire uno status di accettazione, ma di dosare in modo equo e valido il loro tempo, dedicandosi magari, però con forte passione, ad una sola attività. Con l’attitudine di crescere in essa, svilupparne talento e competenza. Solo così potremmo davvero sentirci genitori felici di bimbi felici. Sereni. Equilibrati. E perché no, talentuosi!

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •