Home Politica Sant’Antimo. L’opposizione: continuiamo a proporre l’alternativa

Sant’Antimo. L’opposizione: continuiamo a proporre l’alternativa

81
0

62546_chiesa_sant_antimoQuello che si è tenuto l’altra sera nella sede dell’associazione Agorà è stato “descritto” come un incontro che non si organizzava a Sant’Antimo da circa 20 anni. L’opposizione consiliare ed extraconsiliare santantimese si è riunita per un dibattito pubblico aperto a tutti i cittadini con lo scopo di trovare un’alternativa a quella che è stata definita la “politica marcia” vigente. Quattro le parole chiavi del confronto: Sant’Antimo, Vivibilità, Programmazione e Alternativa.  Al “tavolo” erano presenti: Giuseppe Italia (consigliere e presidente di Agorà), Gabriele Pappadia (consigliere del PD), Salvatore Damiano (segretario del PD), Luigi Vergara (consigliere della Lista Uniti si Cambia), Francesco Gargiulo (rappresentate del comitato cittadino extraconsiliare) e Antimo Puca (rappresentante dell’Associazione Cambia Verso).
A moderare l’incontro il dott. Valentino Arena, che all’apertura dell’incontro ha precisato che l’attenzione sarebbe stata posta solo su “Sant’Antimo” e che non sarebbero stati accettati interventi su politica regionale o nazionale. Si è assistito ad un dibattito “aperto”: ogni gruppo consiliare ha espresso la propria idea di Paese e proposto idee e cambiamenti. Si è deciso di comune accordo al termine della serata di stilare un programma unico, che possa permettere a tutte le forze di opposizione di fare “squadra”. L’idea è quella di partire dalle piccole cose, dall’ordinario: manutenzione spazi verdi, ripristino asfalto stradale, rinascita economia, sviluppo attività artigianali, crescita culturale. Oggetto del prossimo incontro, sarà l’urbanistica!

 

Articolo precedenteDal 15 settembre completamente rinnovato, riapre il 3 Store di Casavatore – Via Taverna Rossa, 27.
Articolo successivoCimitero delle Fontanelle: storia e leggenda delle anime pezzentelle
Sono di Sant’Antimo cittadina in provincia di Napoli, classe 1984, laureata in Lettere Moderne. Dicono di me che sono una “discreta” curiosa. Già redattore del giornale “Nova Tempora” collaboro per “Il Giornale di Casoria” e “infondonews”.