Home Area Nord di Napoli A Sant’Antimo la prevenzione si tinge di rosa. Il gruppo Benessere Donna...

A Sant’Antimo la prevenzione si tinge di rosa. Il gruppo Benessere Donna promuove una campagna di sensibilizzazione sulle patologie del mondo femminile

743
0

Il rosa, che è il colore identificativo dell’universo femminile, assume una valenza simbolica ancor più pregnante di senso quando si unisce al concetto di prevenzione. La pratica, spesso trascurata dalle donne-ma non solo da loro-, che potrebbe aiutare a prendersi cura di se stessi e del proprio corpo con sempre maggiore attenzione e consapevolezza. Allo scopo di diffondere quanto più possibile questo messaggio, sabato 1 aprile, alle ore 17, presso la Sala Consiliare di Sant’Antimo, al Corso Unione Sovietica 35, si svolgerà un convegno sulla prevenzione delle patologie del mondo femminile. Un evento organizzato dal gruppo Benessere donna, rappresentativo di sei medici locali, tutte donne e tra di loro amiche, in collaborazione con il Comune di Sant’Antimo.

L’incontro si aprirà con i saluti dell’On. Armando Cesaro, Consigliere della Regione Campania, di Don Francesco Campanile e del Dott. Francesco Piemonte, rispettivamente parroco e Sindaco di Sant’Antimo e direttore Unità Operativa di Cardiologia dell’Ospedale San Giovanni di Dio.
A seguire ci saranno gli interventi delle sei dottoresse promotrici e ideatrici magnanime  dell’evento: Crispino Nunzia, Specialista in Psicoterapia, D’Aniello Gemma, Specialista in Ginecologia e Ostetricia, Maggio Lucia, Specialista in Oftalmologia, Oliva Flavia, Specialista in Otorinolaringoiatria, Puca Ilaria, Specialista in Reumatologia, e Puca Rosa Valentina, Specialista in Dermatologia.  A fare da moderatrice, invece, la dottoressa Maggio Teresa.

Inoltre, alle partecipanti all’evento sarà data la possibilità di prenotare screening gratuiti che saranno effettuati, nelle settimane successive e previa prenotazione, presso gli studi specialisti delle dottoresse.

Insomma, una campagna di sensibilizzazione voluta da donne per le donne, per dimostrare loro quanto la prevenzione possa essere più efficace di ogni tipologia di cura.
Un gesto nobile e, senza dubbio alcuno, dignitoso.

 

Articolo precedentePorte aperte al Fiere della Campania: taglio del nastro e successo sin dal primo giorno
Articolo successivoAstraDoc continua il suo viaggio con un’anteprima nazionale.
Nato a Napoli nel 1988, dopo la maturità classica, mi laureo in Conservazione dei Beni Culturali, indirizzo Musica e Spettacolo, e più tardi in Editoria e Giornalismo. Amo leggere libri, soprattutto i classici, il cinema in ogni sua declinazione e l' arte nelle sue molteplici forme. Per diletto e passione, scatto foto e scarabocchio su fogli di carta sparsi qua e là. Chissà, magari un giorno riuscirò a coronare il sogno di essere giornalista e anche scrittore.