Home Cronaca & Attualità Sant’Antimo. Il Moscati manifesta contro i doppi turni

Sant’Antimo. Il Moscati manifesta contro i doppi turni

129
0

10257449_736020446433456_7429111754619337180_oIeri mattina gli studenti dell’ITC Moscati hanno detto no ai doppi turni. È partito dall’esterno della scuola il corteo diretto alla Casa Comunale per protestare contro i doppi turni a cui gli studenti sono costretti da quando la sede succursale dell’istituto è stata chiusa. A seguito infatti di un controllo dell’Asl la struttura è risultata inagibile e poco sicura.

Dall’ inizio dell’anno scolastico i ragazzi non hanno insomma un edificio capace di ospitarli tutti e sono dunque costretti ai turni pomeridiani, che li porta a restare a scuola fino alle 18:30, sabato compreso. La situazione è diventata pesante per loro e anche per i genitori che appoggiano i figli nella protesta. A riceverli al Comune c’era il vicesindaco Corrado Chiariello. che ha così affermato: “Rispetto al problema che ci hanno posto i ragazzi, l’unico compito che abbiamo è quello di compulsare al massimo, cosa che abbiamo già fatto in precedenza, alla Provincia…i locali di cui chiedono la disponibilità i ragazzi appartengono alla Provincia. Noi abbiamo sempre fatto il nostro dovere e continueremo su questa strada affinchè i ragazzi possano evitare il doppio turno”. Insomma  i disservizi delle scuole medie superiori sono di competenza della Provincia. Difatti è stato organizzato un incontro in Provincia con l’Assessore all’Edilizia Scolastica, Maurizio Moschetti, per la risoluzione della problematica. L’ente ha mostrato massima disponibilità nei confronti degli studenti, dei professori e dei disagi che lamentano. Aspettiamo risvolti in merito!

Articolo precedenteCome riconoscere l’uomo sbagliato
Articolo successivoPrima categoria: poker dell’Acerrana. Perdono Grumese e Arzano City. Solo un pari per il Casoria Calcio.
Sono di Sant’Antimo cittadina in provincia di Napoli, classe 1984, laureata in Lettere Moderne. Dicono di me che sono una “discreta” curiosa. Già redattore del giornale “Nova Tempora” collaboro per “Il Giornale di Casoria” e “infondonews”.