Home Area Nord di Napoli Sant’Antimo “guida” la cittadinanza verso l’RC Auto “Tariffa Italia”

Sant’Antimo “guida” la cittadinanza verso l’RC Auto “Tariffa Italia”

114
0

rc auto

Si è dato il via domenica, 21 luglio, alla raccolta firme a sostegno dell’iniziativa RC Auto “Tariffa Italia”, che vede nel Comitato promotore il comune di Napoli. Serviranno 50.000 firme entro il 31.10.2014 per portare all’attenzione del parlamento il progetto di legge per l’istituzione di una tariffa RC Auto unica in tutta Italia.

Anche Sant’antimo ha aderito all’ iniziativa grazie alle associazioni Federconsumatori Sant’Antimo, Agorà Sant’Antimo e Siamo Tutti Briganti. Le associazioni sono state e saranno ancora presenti sul territorio con un gazebo presso Piazza Della Repubblica di mattina, e a Via Roma di pomeriggio, dove è stato possibile – e sarà ancora possibile – per tutti i cittadini firmare e chiedere informazioni. “Bisogna premiare gli automobilisti virtuosi che negli ultimi anni non hanno fatto sinistri e battersi per quella che è diventata una vera e propria discriminazione territoriale” – ha affermato l’avv. Domenica Di Lorenzo, responsabile dell’associazione Federconsumatori Sant’Antimo .“Ed inoltre – ha così concluso – ringrazio anche i rappresentanti del PD di Sant’Antimo che hanno deciso di aderire alla raccolta firme”. È intervenuto in merito anche il presidente dell’associazione Agora, Giuseppe Italia, sostenendo che “Agorà è l’associazione promotrice di una iniziativa sul nostro territorio che ha carattere nazionale ed attorno alla quale si muovono molti comitati. A partire dal fatto che ci sembra anticostituzionale una differenza di trattamento della RCA, è comunque da annotare che Roma e Milano fanno molti più sinistri di Napoli. Agorà veste i panni di attrice protagonista su Sant’Antimo e sarà presentatrice della mozione consiliare per l’adesione di tutta l’amministrazione alla battaglia, per fare in modo che i cittadini possano firmare direttamente al comune oltre che presso i gazebo di agorà, ai quali partecipano Siamo tutti Briganti e Federconsumatori, cosa che ovviamente sottolineo con stima”.
Questa è una strada in salita verso una proposta di legge che otterrebbe l’applicazione del premio assicurativo più basso, previsto sul territorio nazionale, a chi non abbia effettuato incidenti negli ultimi cinque anni. Tariffe così alte rappresentano un fenomeno drammatico per una popolazione già in difficoltà al punto da risultare che oltre quattro milioni di automobilisti sono sprovvisti di copertura assicurativa per l’eccessivo costo della RC Auto.

 

Articolo precedentePellegrinaggio nei luoghi di Padre Ludovico.
Articolo successivoHamsik, un futuro tinto di azzurro; Kramer a un passo; aumenta la lista degli esuberi da sistemare
Sono di Sant’Antimo cittadina in provincia di Napoli, classe 1984, laureata in Lettere Moderne. Dicono di me che sono una “discreta” curiosa. Già redattore del giornale “Nova Tempora” collaboro per “Il Giornale di Casoria” e “infondonews”.