Home Cultura Rubrica “Usi, costumi e consuetudini del mondo classico”. Fallo e défaillance

Rubrica “Usi, costumi e consuetudini del mondo classico”. Fallo e défaillance

216
0

Il maschio romano insiste in modo vanaglorioso fino alla monotonia nell’esaltazione della propria virilità. Celebra la propria potenza virile obbedendo all’etica del vanto fino alla noia. L’ossessivo autoencomio non potrebbe celare una feroce paura? Non potrebbe nascondere il terrore della défaillance? Non potrebbe servire ad esorcizzare un inconfessabile incidente in camera da letto? La défaillance non era sopportata: felicità e gloria erano garantite dal fallo in erezione! Che l’oggetto del desiderio sia un uomo o una donna è indifferente: il rischio di non essere all’altezza incombe ed è terribile! Ad Ovidio è accaduto con una donna stupenda. Ebbene, dopo un corteggiamento serrato
…l’ho stretta, turpemente fiacco, senza goderne, e ho giaciuto obbrobrioso peso per il pigro letto e non ho potuto, pur desiderandolo… valermi della parte voluttuosa dell’inguine sfinito.
E la donna? L’aveva incoraggiato: cupidamente fece scivolare sulla mia bocca baci con lottanti lingue, e arrese le sue cosce lascive alle mie, e mi disse mille tenerezze…
Non c’è verso: …le mie membra, come toccate dalla gelida cicuta, infingarde fallirono al mio proposito; continuai a giacere come un corpo inerte, un inutile peso: non era ben chiaro se fossi corpo o imbra… ahi, mi vergogno dei miei anni.
Per tirarsi su, ricorda: … di recente ebbero di seguito il mio ufficio due volte la bionda Chlide, tre la candida Pitò, tre Libàs: in una breve notte Corinna, ricordo, chiese nove volte, e riuscii…
Sì, dichiara nove volte! Vergogna umiliante: …E s’è aggiunta la vergogna: la stessa vergogna dell’accaduto mi nuoceva, seconda causa del fallimento…
Beh, Ovidio non attribuisce responsabilità alla partner a differenza di marziale, il quale ritiene lesbia prepotente, esigente, insaziabile: Tu vuoi, Lesbia, che sempre io l’abbia ritto per servirti, ma un cazzo non è un dito, credimi. Tu l’accarezzi e gli parli fitto fitto, ma il tuo fare imperioso ti è nemico.
Foto: Rilievo fallico proveniente da Pompei, 1-50 d.C. circa