Home Cronaca & Attualità Ritrovati circa 250 Pastori del ‘700 trafugati negli ultimi decenni.

Ritrovati circa 250 Pastori del ‘700 trafugati negli ultimi decenni.

53
0

Circa 250 pezzi pregiati del presepe del ‘700 napoletano sono stati rinvenuti in casa di appassionati e collezionisti: Re Magi, angeli sospesi, dame, animali, musici, popolani, alcuni avvolti in fogli di giornali ammassati come oggetti comuni.

La refurtiva, recuperata dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, in seguito all’operazione Start Up, coordinata dalla Procura di Isernia con il Nucleo TPC di Napoli, ha un valore stimabile in circa 2 milioni di euro, ma inestimabile dal punto di vista artistico.

Il procuratore Albano dichiara che questo è’ il ritrovamento di pastori più importante della storia.

L’indagine è partita da un piccolo furto, un calice e un reliquiario, in una chiesetta del molisano; estendendo le ricerche e mettendo in atto una fitta campagna di intercettazioni, è stato possibile arrivare alla rete criminale diffusa su tutto il territorio nazionale e al ritrovamento di un numero enorme di opere d’arte.

Già a settembre ne furono trovate un centinaio e non è escluso, dichiara Albano, che si apra una terza parte dell’indagine. Sono una ventina gli iscritti nel registro degli indagati, in tutta Italia ma soprattutto nell’hinterland napoletano e Molise.

Tra i pezzi più belli ritrovati c’è la fanciulla con lo sguardo basso e la mano allungata, tipica della scuola di San Martino. Solo 49 personaggi sono stati riconosciuti tra quelli spariti nei tre grandi furti effettuati tra il 1999 e il 2000 in due abitazioni di Napoli e nella Chiesa di S. Agnello della Costiera Sorrentina, per tutti gli altri i legittimi proprietari sono ancora sconosciuti.

Le statuine verranno esposte entro Pasqua, alla Chiesa del Santo Spirito a Napoli per essere poi ricollocate in museo.

Articolo precedentePercepivano compensi da enti privati: La Asl Napoli 2 Nord licenzia 4 medici
Articolo successivoPartito il conto alla rovescia per il bando “Resto al Sud”: un’occasione unica per valorizzare i talenti casoriani
Raccontare quello che accade senza dare giudizi, senza cedere alle pressioni, probabilmente non è il giornalismo dei giorni nostri, ma è sicuramente dare il giusto servizio ai lettori. Vive a Casoria, scrive, fotografa, sogna.