Home Afragola Rifiuti. Afragola assegnata all’ATO Napoli 1, l’opposizione attacca

Rifiuti. Afragola assegnata all’ATO Napoli 1, l’opposizione attacca

141
0

ccLa gestione dei rifiuti ad Afragola è sempre stata una “croce” e mai una “delizia” per l’amministrazione guidata dal Sindaco Domenico Tuccillo. Nonostante gli sforzi (semmai siano stati fatti) la situazione è ancora critica in molti punti nevralgici della città.

Nel Consiglio Comunale del 29 Ottobre scorso era in discussione il capo seguente approvazione, in esecuzione della L.R.C. n. 5/2004 della deliberazione di Giunta Regionale Campania n.84/14, dello schema di convenzione obbligatoria ex art, 30 del dlgs n.267/2000 , tra i Comuni dell’Ambito Territoriale Ottimale ( ATO) Napoli 1 per l’esercizio, in forma associata, delle funzioni di organizzazione del servizio di gestione integrata dei Rifiuti Urbani – delibera di Giunta Comunale n. 50/2014.

Si tratta di un nuovo sistema di gestione dei rifiuti in forma associata tra i Comuni. Afragola è compresa nell’ATO Napoli 1 che comprende  altri 8 Comuni: Acerra, Casalnuovo di Napoli, Caivano, Cardito, Casoria, Crispano, Frattamaggiore e il Comune di Napoli. Dopo l’illustrazione a cura dell’assessore al ramo Salvatore Iavarone, alcuni consiglieri di minoranza hanno manifestato il proprio dissenso sulla costituzione dell’ATO Napoli 1 e, in particolar modo, sulla presenza del Comune di Napoli. Infatti, nonostante il principio della legge sia l’omogeneità, quest’ultima, nei fatti, è davvero inesistente. La domanda principale è una, come si può inserire nello stesso ATO, Afragola che ha una popolazione pari a 60mila abitanti e Napoli che ha una popolazione di 989mila abitanti?   La richiesta di trasferimento di Afragola ad altro ATO è stata rigettata dalla maggioranza, ma i dubbi sono tanti. Il rischio è grosso. Afragola potrebbe trovarsi in grandi difficoltà senza vedere spiragli di luce nella gestione dei rifiuti, e potrebbe risentire “negativamente” della presenza di Napoli, comune troppo allo sbando ultimamente. Com’è possibile che né l’Assessore né la maggioranza abbiamo notato tutto ciò?

Articolo precedenteIl presidente AIAS Casoria, Giacometti: “ci troviamo di fronte una classe politica insensibile ai problemi della gente”. Leggi la lettera inviata alla nostra redazione
Articolo successivoSant’Antimo. Domani presso la sala consiliare si discute di “Tariffa Italia”
Studente al “Dipartimento di Giurisprudenza” all'Università Federico II di Napoli. Ha una grande passione: la politica. Collabora per il settimanale “Nuova Città”, da giugno fa parte della squadra de “Il Giornale di Casoria”.