A pochi giorni dalle elezioni amministrative per il rinnovo dell’Amministrazione Comunale di Casoria, si registra purtroppo sul nostro territorio un clima di intolleranza e violenza, come non mai accaduto negli anni passati.

Non ho intenzione di fare qui un’analisi socio-politica, ma semplicemente informare e rendere pubblico il comportamento, le azioni e gli attacchi contro la mia persona da parte di un gruppo di facinorosi, che hanno connotato questa campagna elettorale all’insegna dell’aggressività verbale e fisica, prevalentemente nei confronti di candidate donne.

A Casoria, tante sono le persone che mi conoscono , e sanno che da anni sono impegnata nel sociale e nel campo della prevenzione dei tumori al seno. Mi sono candidata , pertanto, nella lista di Casoria Viva (d’ispirazione demA), proprio perché credo ancora nella politica, per istituzionalizzare il mio programma e le iniziative che fino ad ora ho fatto  tramite la mia associazione, “ l’Ancora del Sorriso”.

Ho partecipato a questa tornata elettorale, sempre nel rispetto dell’avversario politico, pur non condividendone l’ideologia ed il programma elettorale, ho guardato alla persona, all’essere umano e non al bersaglio su cui sfogare frustrazioni e fallimenti personali. Dall’altra parte invece, constato con tristezza che così non è stato, ho pagato lo scotto non solo di essere donna, ma anche di essere donna di sinistra.

Purtroppo  tali prerogative hanno innescato, nella mente di gente disturbata psicologicamente, meccanismi di una tale aggressività sia fisica che verbale che mi hanno segnata profondamente, ma di certo non mi faranno arretrare di un millimetro da quelli che sono i miei obiettivi in campo politico , ne da quella che oggi ritengo più che mai una giusta causa per cui lottare, in nome anche di  altre donne, che come me hanno subito o subiscono ancora le conseguenze dell’omofobia e dei comportamenti sessisti di alcuni squallidi personaggi locali.

Durante tutta questa campagna elettorale, non mi sono risparmiata, ho cercato come sempre e più di sempre,   di rendere più civile questa città, proponendo ed attuando buone pratiche di cittadinanza attiva, così come avviene nel resto d’Italia. Purtroppo a me pare, che Casoria abbia già il suo destino segnato da una precipitosa deriva, marchiato da un angusto provincialismo, privo di valori quali solidarietà e democrazia.

Un preavviso di ciò è possibile rilevarlo nelle modalità con cui è avvenuto lo spoglio elettorale, all’insegna di una grande confusione , senza alcuna trasparenza, tant’è che attualmente i candidati aspettano ancora di sapere se sono sati eletti o meno.   Tutto questo in barba alla democrazia, all’ anticorruzione , quasi che tali prassi siano, solo inutili e futili parole.

“Senza trucco e senza inganni “ così i signori della mala politica beffeggiano oggi la nostra martoriata cittadina, fregandosene di tutto e di tutti, senza  alcuna decenza sono arrivati a sporcare quanto di più bello e sacro c’è, il diritto costituzionale al libero esercizio di voto, dimenticandosi perfino che per tale principio ci sono stati uomini e donne  che hanno sacrificato la loro vita.

Quanto suddetto sarà dalla sottoscritta inviato a varie testate giornalistiche, affinchè   venga reso noto lo scempio che attualmente si sta facendo della Democrazia a Casoria.

 

Susy Silvestri
Candidata alle elezioni politiche per il rinnovo del Consiglio Comunale di Casoria

 

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •