Si è tenuto il 27.09.2019 un incontro tra la cittadinanza di Arpino e l’amministrazione comunale.
L’incontro organizzato da comitati locali ha visto una massiccia presenza di cittadini, chiaro segnale del bisogno di interlocuzione ed informazione sui bisogni del quartiere.

Presenti, rappresentanze del comitato Quartiere Invisibile, comitato Lufrano, comitato Cittadella Arpino e del locale centro polifunzionale per anziani, oltre ad una rappresentanza di mamme giunte lì per ribadire la necessità di tenere alta l’attenzione sul problema che ha colpito il plesso di via Arpino.

La voglia di aprire un dialogo collaborativo con la città, è stata testimoniata dalla presenza ieri di gran parte degli amministratori, sia di maggioranza che di opposizione: oltre al Sindaco Bene ed al Presidente del Consiglio Capano, l’assessore Petrone, i consiglieri Colurcio e Rossetta, provenienti proprio dal quartiere Arpino, i consiglieri Taletti, Graziuso, Ramaglia, Esposito Orsino,Trojano, Vignati, Russo.

Il Sindaco Bene, nel suo ampio ed articolato intervento ha provato, per quanto possibile, vista la variegata natura delle domande, a soddisfare tutti gli interrogativi. Molti i temi affrontati; ambiente, sicurezza e trasporti. Particolare attenzione si è avuta sulla problematica della chiusura della scuola di Via Arpino e sulla pulizia della città.

Scuola via Arpino: continua e costante l’interlocuzione tra la dirigenza scolastica e l’amministrazione. Il clima di collaborazione e condivisione delle scelte e delle azioni da mettere in campo, avutosi dal primo giorno, per affrontare l’emergenza presentatasi, continuerà sino a quando i bambini non avranno di nuovo la loro scuola, nonostante i mille problemi organizzativi e burocratici;

Pulizia città: ribadendo che viviamo in evidente emergenza rifiuti a causa dei lavori allo STIR di Acerra, siamo al massimo dello sforzo (malgrado qualche ritardo) per garantire che tutti i rifiuti vengano rimossi. C’è bisogno però della collaborazione dei cittadini, affinché le forze in campo non siano vane. Sono aumentati i controlli e le sanzioni per gli scarichi illeciti ed i terreni incolti: nel solo periodo estivo abbiamo elevato verbali per un totale di circa10.000 €. Abbiamo registrato un calo drastico della differenziata dal 61% al 40% negli ultimi anni ed abbiamo appreso che zone del nostro quartiere, come ad esempio il Parco dei Pini, sono escluse dalla raccolta porta a porta. Lavoriamo su questo e siamo molto attenti alla problematica degli incendi dolosi di rifiuti, intervenendo spesso di persona a supporto, più che altro morale, di guardie ambientali, polizia municipale e forze dell’ordine.

“La necessità di ristabilire un dialogo tra politica e cittadini è una priorità per questa amministrazione. Incontri del genere vanno incentivati, con cadenza ciclica e preferibilmente rendendoli monotematici, al fine di evitare che le differenti, ed equamente importanti, istanze ed esigenze di diversi gruppi di cittadini si accavallino e risultino poi confusionarie. Ritengo ci sia stato un primo e proficuo approccio dove si è consolidata la fiducia e la conoscenza di una giovane classe politica che, col supporto e la collaborazione dei cittadini, può puntare a raggiungere importanti obiettivi.” dichiara Colurcio.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •