Home Cronaca & Attualità “Riappropriamoci della nostra città, innamoriamoci di Napoli”. Il liceo Brunelleschi presenta “Napoletanissima….mente”

“Riappropriamoci della nostra città, innamoriamoci di Napoli”. Il liceo Brunelleschi presenta “Napoletanissima….mente”

137
0

1520633_779275435520168_2607751425574346770_n (1)Napoli vive da protagonista nello spettacolo “Napoletanissima….mente” in scena al Teatro Gelsomino giovedì 14 maggio, commedia in due atti scritta dalle docenti Pina Di Maso e Mariapia Marino e interpretata dagli alunni del Liceo Brunelleschi di Afragola con le coreografie di Jennifer Cuomo. A raccontare contraddizioni e meraviglie della città partenopea un erudito professore che tenta e riesce a spiegare l’anima di Napoli a Pulcinella, maschera simbolo del napoletano genuino e spontaneo ma ignorante della millenaria cultura della città di cui è l’emblema. Si sussegue una serie di personaggi indimenticabili della nostra storia con sottofondo le canzoni di Napoli celebri in tutto il mondo: “a’ sciantos”, “a’ caper”, i popolani dei “vasci”che con i loro battibecchi ci riportano indietro nel tempo, leitmotiv dello spettacolo l’incrollabile fede dei napoletani nella superstizione e tutti i metodi per allontanare “o’maluochhio”. Un profondo messaggio educativo dietro il divertimento e la bravura degli studenti, lo spettacolo ha ricevuto apprezzamenti non solo dalla preside Adele Vitale ma anche dal giovane pubblico del Liceo Brunelleschi e le loro famiglie. Diversi ostacoli però sono stati affrontati dalle docenti e i loro studenti per la messa in scena dello spettacolo che si è avvalso dell’aiuto degli sponsor per sopperire alle spese che l’esiguo budget scolastico non è stato in grado di sostenere. La commedia racconta la Napoli che fu, ma è anche un augurio che la città sacra e profana, elegante e sciatta sappia ritrovare l’antica bellezza e che si sappia difendere dal “maluocchio”.

Articolo precedentePietro Chiacchio, candidato sindaco della coalizione Insieme per Grumo Nevano: “Nel mio nome c’è il seme della stabilità e della governabilità”
Articolo successivoAl Parco Archeologico del Pausilypon va in scena “Suggestioni all’imbrunire”
19 anni, laureanda alla facoltà di Giurisprudenza, “do it with passion or not at all” è il mio motto. Sogno di cambiare concretamente la società attraverso la passione che metto nel giornalismo, una passione nata alle scuole superiori e che non è mai finita.