Ancora l’ennesima denuncia di una cittadina casoriana che ha raccontato, attraverso i gruppi facebook casoriani, di come due balordi in motorino in via indipendenza,verso le 22.15 di ieri sera abbiano rubato il cellulare dalle mani di sua figlia e di come, la domenica precedente,nella stessa zona sia sparita anche l’auto di sua madre.
Uno scenario a dir poco allarmante fatto di strade senza illuminazioni ,senza telecamere e soprattutto frequentate da criminali di ogni genere.
Si aggrega pienamente alla denuncia anche il parroco della chiesa Santa Maria della Stella Don Carmine Basile che ha affermato: ‘ancora una volta il nostro territorio è visitato dai ladri.Dei balordi hanno tentato di rubare la mia auto e non contenti anche quella di qualche vicino in piena notte ‘.Poi,sempre il parroco spiega: ‘in 25 anni a Casoria, non ho mai visto nascere, nel quartiere stella ,una sola opera di interesse pubblico e di miglioramento della qualità della vita,nessun progetto di riqualificazione territoriale,niente che aiuti i giovani e le piccole attività ad emergere dalle difficoltà e ad assicurare ai nostri giovani uno sbocco lavorativo,un sonno della politica e delle istituzioni che fa paura ‘.
Parole molto forti dietro le quali si nasconde un disagio enorme dei cittadini casoriani ormai impotenti di fronte a questa situazione di degrado e criminalità dilagante e soprattutto un’esigenza di maggiore protezione e sicurezza da parte delle istituzioni silenti.
Speriamo,allora che la situazione cominci a migliorare quanto prima con una politica sociale molto più attiva e responsabile e provvedimenti molto più duri verso i responsabili di queste azioni criminose.
Condividi su
  • 93
  •  
  •  
  •  
  •  
  •