“Noi come opposizione volevamo dare un contributo alla città, ma ci è stato impedito”

Non si placano le polemiche sulla mancanza del PUC all’ordine del giorno insieme al PICS durante il consiglio comunale di Casoria lunedì 10 febbraio. Prima della votazione, l’opposizione ha lasciato l’aula.

Alessandro Puzone, capogruppo di Forza Italia, che, essendo architetto, ha studiato le carte e conosce perfettamente l’argomento, ha spiegato la scelta: “Come ben sanno alcuni consiglieri di maggioranza, noi avevamo chiesto il consiglio comunale con all’ordine del giorno il PUC insieme al PICS perché era un argomento strettamente correlato. E l’avevamo chiesto, soprattutto noi del centro-destra, in quanto non rappresentati nelle commissioni.

Alla risposta della maggioranza secondo cui tutto è stato fatto a norma di legge, Puzone replica: “Noi ora volevamo discutere per capire qual era la visione della città che la maggioranza aveva. Altri comuni lo fanno. Lo so: normativamente, la maggioranza ha ragione ma qui si parla di coscienza politica, quella che è mancata a questa amministrazione. Volevamo dare un contributo concreto alla città, ma ci è stato impedito di farlo”.

Puzone chiude raccontando quale dovrebbe essere il cronoprogramma: “In questa fase si dovrebbe parlare degli indirizzi. Soltanto dopo avviene la fase delle consultazioni con tutte le persone interessate: quello è uno step molto avanzato”.

Il Consiglio comunale si è chiuso con l’approvazione di tutta la maggioranza presente del PICS, pochi minuti dopo che l’opposizione ha abbandonato l’aula.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •