Home Cronaca & Attualità Prof. Paolo Ascierto: eccellenza campana 258 centri da ogni parte d’Italia chiedono...

Prof. Paolo Ascierto: eccellenza campana 258 centri da ogni parte d’Italia chiedono il farmaco anti-artite tocilizumab .

140
0

Sono in costante aumento le richieste che pervengono, da ogni parte d’Italia al Pascale di Napoli per usufruire del protocollo sperimentale sul trattamento del Covid-19 con il farmaco anti-artrite denominato Tocilizumab, che sta dando buonissimi risultati sui pazienti trattati. La sperimentazione  è stata approvata dall’Aifa sul trattamento con questo farmaco della polmonite da covid-19. Il team del Pascale sta selezionando le candidature secondo i protocolli previsti e predisporrà la somministrazione del farmaco entro 24 ore ai pazienti che rispettano l’identikit della sperimentazione. Moltissime richieste arrivano dagli ospedali del Nord. Ad avviare l’uso del Tocilizumab, già conosciuto per l’artrite reumatoide e gli effetti collaterali dell’immunoterapia, è stato il prof. Paolo Ascierto dell’Istituto per la cura e lo studio dei tumori “Pascale” di Napoli.
Il Tocilizumab viene somministrato ai pazienti ricoverati per polmonite da Covid. In particolare, nello studio di fase due, il trattamento viene somministrato a pazienti con stadio di malattia abbastanza iniziale, vale a dire: non intubati o intubati da massimo 24 ore. Mentre nell’osservazionale verranno trattati anche i pazienti intubati da più di 24 ore. Alla fine della fase 2, in ogni modo tutti i pazienti potranno essere inseriti nella coorte osservazionale. Ecco le parole del Prof. Ascierto dalla sua pagina social: “In queste ore sono numerose le donazioni giunte a sostegno della campagna per la realizzazione del laboratorio di ricerca genetica sul Coronavirus. È pronta un’equipe di ricercatori e medici dell’Ospedale Cotugno e del Pascale. A loro e a tutti i sanitari d’Italia va il mio più accorato ringraziamento per fare della loro professione una quotidiana e imprescindibile missione”.Infine l’appello:” Ora il tuo aiuto è fondamentale perché ci consentirà di studiare l’RNA del virus e arrivare il prima possibile a sperimentare terapie e farmaci sempre più efficaci.
Sostieni anche tu la Ricerca con una donazione al link”
https://bit.ly/2J0Byvm

Articolo precedenteCasoria: mascherine gratis: l’impegno di Massimiliano Sorvino imprenditore casoriano.
Articolo successivoIL PRESIDENTE MARINO ANCI CAMPANIA SCRIVE AL SINDACO DI BERGAMO
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli