Home Eventi Premio Letterario Uniti per La legalità

Premio Letterario Uniti per La legalità

187
0

6° edizione premio letterario “Uniti per la legalità” Sabato 12 novembre 2022, ore 16,30. presso la sala della Biblioteca comunale della settecentesca Villa Bruno a San Giorgio a Cremano ( NA).

Il Premio “Uniti per la Legalità” torna a San Giorgio a Cremano e nasce con l’intento di onorare la memoria delle vittime innocenti della criminalità, attraverso la cultura della legalità e la scrittura in toto. La cerimonia di premiazione si terrà Sabato 12 novembre alle 16.30 presso la Biblioteca comunale di Villa Bruno, alla presenza del sindaco Giorgio Zinno e del vicesindaco Pietro De Martino.

La biblioteca comunale di San Giorgio a Cremano, Biblioteca di Cultura Vesuviana, è stata istituita nel 1987 ed ha sede in un edificio monumentale del XVIII secolo, Villa Bruno. Ha una consistenza di circa 13.000 volumi, alcune edizioni dell’Ottocento, periodici e una sezione per bambini e ragazzi. E’ iscritta al Servizio Bibliotecario Nazionale ed il catalogo è consultabile online nell’opac SBN.

 Il Premio “Uniti per la Legalità” è stato Ideato e organizzato da Francesco Gemito, poeta, scrittore e presidente dell’Accademia Raffaele Viviani. Tanti i riconoscimenti conferiti a chi si è distinto nella promozione dei valori della legalità e della giustizia. A ricevere il premio in memoria del giudice Giovanni Falcone sarà il magistrato Paolo Itri, autore del libro “Il Monolite”; il premio in memoria del giornalista Pippo Fava, fondatore de I Siciliani e ammazzato da Cosa Nostra nel 1984 andrà invece alla giornalista Giuliana Covella; il premio “Antonio Sottile”, finanziere Scelto ucciso a 29 anni dalla Sacra Corona Unita, sarà conferito ai Marescialli della Guardia di Finanza di Napoli Antimo Di Fuccia e Gregorio Del Prete. Mentre il premio intitolato al medico napoletano Domenico Musella, morto in servizio nel settembre 2019, andrà a Giuseppe Ambrosio, responsabile dell’unità operativa semplice di neurochirurgia dell’ospedale Cardarelli. Infine il premio dedicato al giovane carabiniere Salvatore Nuvoletta, vittima innocente del clan dei Casalesi, verrà assegnato al Tenente dei carabinieri in pensione Cosimo Sfameli, autore di diversi libri sulla ‘ndrangheta. Inoltre saranno premiati  poeti, scrittori e giornalisti che hanno partecipato come autori a tale edizione.

“Vita mortuorum in memoria est posita vivorum”.

Citazione di Marco Tullio Cicerone.

(La vita dei morti sta nella memoria dei vivi)

Articolo precedentePICS, venerdì si presenta la Casoria del futuro
Articolo successivoCasoria, un progetto a tutela della dignità della donna
Napoletano, neo diplomato in maturità scientifica a pieni voti, che ha delle grandi passioni ovvero diventare un bravo giornalista e un vero scrittore. Già da piccolo ero affascinato dal mondo della letteratura e dagli scritti classici, che hanno arricchito la mia conoscenza e la consapevolezza di continuare a scrivere per essere una persona migliore e riuscire così a combattere e sconfiggere i propri demoni. Per comunicare, descrivere emozioni e condividere esperienze lo scrivere è il mezzo perfetto per raggiungere questi obiettivi.