Home Eventi Premio giornalistico dedicato al casoriano Mimmo Ferrara, premiati in due. Dal prossimo...

Premio giornalistico dedicato al casoriano Mimmo Ferrara, premiati in due. Dal prossimo anno la cerimonia avrà il patrocinio dell’ordine Nazionale dei Giornalisti

123
0

E’ stato assegnato ieri, 19 gennaio, il premio giornalistico letterario dedicato al grande giornalista Casoriano Mimmo Ferrara.

Tra le mansioni svolte dal nostro concittadino, ricordiamolo, oltre che caporedattore del “Mattino” e de “Il Roma”  ci sono anche quelle di presidente della Casagit, la Cassa Autonoma di Assistenza Integrativa dei Giornalisti Italiani, finanche, infine, componente del Consiglio di amministrazione dell’Inpgi, l’istituto di previdenza dei giornalisti.

E’ stato l’attuale presidente dell’ordine Ottavio Lucarelli a compiere il discorso introduttivo, ricordando l’impegno, la costanza e la grande professionalità del casoriano Ferrara; tra i grandi presenti all’evento annoveriamo Antonio Sasso, direttore de “Il Roma”, il direttore dell’Emeroteca-biblioteca Tucci, Salvatore Maffei, la viincitrice della prima edizione del premio Maria Pirro e, infine immancabili i parenti dell’ormai defunto giornalista cui è dedicato il premio.

Due i vincitori: Maria Elefante e Ciro Troise di cui la prima collabora con “Il Mattino”, il secondo con il “Corriere del Mezzogiorno”, entrambi impegnati in articoli e inchieste su temi dedicati alo sport come valore aggregativo e sociale, la sanità e la disabilità.

Particolare menzione è stata dedicata anche al giornalista Daniele Bertocci per un interessante servizio dedicato ai giochi integrati di scherma a Jesi.

La cerimonia si è svolta all’interno della sede dell’ordine nazionale dei giornalisti Campania e dal prossimo anno, avrà anche il patrocinio dell’ordine Nazionale dei giornalisti.

Articolo precedenteIl Casoria contro il Giugliano, perde partita e terzo posto
Articolo successivo50 anni fa l’esordio dell’ingegner Ferlaino al Napoli, per festeggiare riunisce tutti coloro che facevano parte della società. Assente solo il defunto Carlo Iuliano, al suo posto interviene la figlia Raffaella. Ecco cos’ha pubblicato attraverso i social
Giornalista pubblicista laureata in letteratura, amo questo lavoro e soprattutto raccontare liberamente la realtà dei fatti, senza remore. Tenace e appassionata della mia professione, ritengo l'attività giornalistica, dopo decenni di esperienza, preziosa e entusiasmante che contribuisce a una crescita morale e intellettiva.