Home Scienza & Tecnologia Porta a Porta con la Prevenzione

Porta a Porta con la Prevenzione

184
0

di Angela Silvestre – Insieme si può, Insieme è bene, recita uno slogan, soprattutto se si fanno progetti di tutela della salute. Così L’Associazione “l’Ancora del Sorriso” con il patrocinio morale della Città Metropolitana inaugura a settembre un progetto che ha come obiettivo la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, per offrire alle donne che lavorano, sia in casa che fuori casa , l’opportunità di poter effettuare un’ecografia alla tiroide, al seno ed all’utero.

La dott.ssa Susy Silvestri, presidente dell’Associazione l’Ancora del Sorriso, coordinerà questo progetto. Forte dell’esperienza dei camper della salute, sa quanto sia importante effettuare in tempo diagnosi precoci, poiché solo questo può letteralmente salvare la vita.

Ma per sapere qualcosa in più di questa utile ed interessante iniziativa ho proposto alla Dott.ssa Silvestri   un’intervista, così da poter dare ai cittadini informazioni attendibili e precise.

IO– Come è nata l’idea di realizzare questa iniziativa di tutela della salute della donna?

SusyConstatando che la maggior parte delle donne, trascura la propria salute, siccome non ha tempo per recarsi presso gli ambulatori o studi medici, perché talvolta troppo lontani da casa, troppo costosi o aperti in orari che non si conciliano con i ritmi di lavoro (sia casalingo che in altre sedi).

Inoltre anche la perdita di una mia amica, Carmela, deceduta qualche anno fa per cancro al seno, mi ha spinto ad interessarmi in modo concreto della salute delle donne, che purtroppo ancora oggi non si curano.

Basta guardare le statistiche e rendersi conto, ad es., che al sud è bassissima l’aderenza agli screening per la prevenzione del c.a. mammario ed al collo dell’utero. Forse questo è frutto di un retaggio culturale o del “fatalismo” che condiziona ancora il nostro modo di agire, specialmente nel campo della salute. Gli antropologi senz’altro riuscirebbero a spiegare meglio tale atteggiamento, non dimenticando da buona napoletana le popolari battute presenti nelle commedie del grande Eduardo che aiutano a comprendere ciò, perché scaturite dalla conoscenza della cultura del popolo a cui apparteneva. Chi non ricorda, ad es., quando in Napoli Milionaria le donne del vicolo consideravano il medico “uno iettatore” e si potrebbe continuare ancora per molto con altre citazioni sempre in tema presenti nel teatro eduardiano.

Tante dunque sono, oggi, le persone che un po’ per mentalità un po’ per pigrizia tralasciano l’impegno fondamentale di effettuare una visita medica per controllare il proprio stato di salute almeno 2 volte in un anno. In particolare le donne, in percentuale maggiore, sono restie ad effettuare gli accertamenti medici di routine, per prevenire o curare eventuali patologie.

Io– può descrivere in maniera più dettagliata il progetto

Susy-Il progetto è portato avanti da me e da tanti medici volontari che già in passato hanno collaborato con i camper della salute. La novità questa volta consiste nell’avvicinare “ porta a porta” le donne interessate, che potranno usufruire gratuitamente non solo delle suddette prestazioni diagnostiche (ecografia del seno, della tiroide e dell’utero)ma anche di consulenze nutrizionali per l’adozione di corretti stili di vita e di una dieta che prevenga le patologie che oggi rappresentano le principali cause di morte, quali, malattie cardiovascolari e cancro.

Io– è già possibile avere delle date, dei nomi e dei recapiti telefonici di riferimento a cui rivolgersi per richiedere informazioni e prenotarsi

Susy -Il progetto parte dal 20 settembre, per info e SOS chiamare la dott.ssa Susy Silvestri al 3348309181.

Pertanto, voglio ringraziare quanti rendono possibile l’attuazione del suddetto progetto, in particolare tutti i medici volontari di Arco Felice, del Policlinico e  Del Pascale, non ultimo ringrazio ancora una volta il sindaco Luigi De Magistris che ha creduto in questa iniziativa incoraggiandomi a continuare, per realizzarla così come l’ho ideata, annoverandola nelle” best practice”( buone pratiche) che connotano il nostro territorio non solo come” terra dei fuochi” ma anche come cittadinanzAttiva.

Io-Conoscendo Susy Silvestri, sono sicura che farà come sempre un ottimo lavoro, coadiuvata in ciò anche dalla prof.ssa Loredana Micco e dalla sottoscritta , che   è stata travolta e coinvolta dalla generosità e dalla vulcanica creatività di Susy.

Non ci resta allora che augurarci tutti insieme, buon lavoro. Buon lavoro a noi dunque, alle donne che aderiranno a questa iniziativa per la salute, ed a quanti vorranno sostenerci, pubblicizzando questa iniziativa, così come già sta facendo la Città metropolitana con il sindaco Luigi De Magistris.

 

 

 

Articolo precedenteFiordilatteFIORDIFESTA ecco il programma della 37° edizione
Articolo successivoArea Sanremo Tour fa tappa a Casoria
Redazione Il Giornale di Casoria - Il portale di informazione dell'area a Nord di Napoli