Home Rubriche Piccoli e pratici consigli per ottimizzare l’indicizzazione del tuo sito web

Piccoli e pratici consigli per ottimizzare l’indicizzazione del tuo sito web

140
0

indicizzazione googleIn tanti anni di carriera nel mondo dello sviluppo web mi sono spesso ritrovato a rispondere ad una frequentissima domanda: come mai il sito web della mia azienda o il nostro blog non è indicizzato su Google? A questa domanda, per abitudine e per dato di fatto, ho sempre dato e continuo a dare la medesima risposta: “il suo sito web è già indicizzato. Male e mal posizionato, ma è indicizzato!“. Sistematicamente, dopo questa risposta, mi trovo sempre a dover, giustamente, spiegare meglio ed approfondire il senso delle mie parole.

Ecco perché ho deciso di scrivere per il Giornale di Casoria un piccolo articolo che enunci i passaggi preliminari e fondamentali per una buona indicizzazione sui motori di ricerca. Innanzitutto occorre chiarire che qualsiasi sito web viene indicizzato in rete attraverso la così detta “indicizzazione organica” e che il suo livello qualitativo è variabile nel rispetto delle attività Seo che vengono intraprese. L’indicizzazione organica, per capirci, è il frutto del quotidiano e sistematico lavoro degli “spider” dei motori di ricerca che analizzano ogni pagina e ogni contenuto pubblicato. Ecco perché (molto, molto banalmente!) ogni sito web viene indicizzato dai motori di ricerca.

La domanda da porsi, a mio avviso, dovrebbe essere un’altra: “Come posso fare per migliorare l’indicizzazione del mio sito web e posizionarmi al meglio per le keywords di mio interesse?“. Chiaramente non abbiamo la presunzione di spiegare l’indicizzazione e il posizionamento e di applicare un corretto posizionamento con un piccolo articolo, ma altrettanto chiaramente, in fase preliminare, possiamo imparare piccoli e importanti segreti per iniziare un lavoro che sicuramente porterà un beneficio al nostro angolo di visibilità online. Questi piccoli consigli, per praticità di lettura, li elencherò in seguenza.

Add_URL Google: se il tuo sito web non appare in tempi brevi dopo la sua pubblicazione nell’indice dei risultati di ricerca, collegati su google.com/add_url e segnala tutti i link che compongono il tuo sitoweb, inserendo nell’angolo dedicato ai commenti una breve e chiara descrizione del contenuto della tua pagina.

Ottimizza le immagini: anche le immagini che caricherai nelle pagine del tuo sito possono aiutarti a migliorare il tuo posizionamento sui motori di ricerche a patto che tu segua delle semplici regole: dai un nome_completo_e_chiaro alla tua foto, ottimizza il file per il web (puoi farlo, ad esempio, con Photoshop) cercando di non superare mai i 100K e se utilizzi un CMS come WordPress non dimenticare di inserire gli attributi “Titolo” e “Descrizione” al tuo file fotografico.

Mobile Friendly: non mettere online un sito web che non sia abilitato alla navigazione agevolata da dispositivo mobile. I nuovi algoritmi di Google (e degli altri motori di ricerca) penalizzato tutti i siti alla vecchia maniera.

Title coerente con il contenuto: dedica del tempo per ragionare con calma al titolo da attribuire ad ogni tua pagina web. Il titolo sarà il primo attributo che verrà letto dagli Spider dei motori di ricerca e se questo sarà coerente con il contenuto della pagina questa riceverà senza dubbio degli ottimi benefici.

Description: scrivi per ogni pagina una breve ed efficace descrizione che riassuma il contenuto della tua pagina. La descrizione sarà un’aspetto importantissimo preso in considerazione dei motori di ricerca e in più, se sarà un buon mix tra le keyword di tuo interesse e ciò che potrebbe essere interessante per il navigante, sicuramente ti aiuterà a ricevere visite in più. Non dimenticare che il ‘’numero’’ di visite è un parametro molto importante.

Google Webmaster: crea il tuo indirizzo gmail di servizio e utilizza gli strumenti per i Webmaster per iscrivere il tuo sito all’indice di Google e per monitorare nel tempo i progressi del posizionamento e per correggere eventuali errori che Google ti segnalerà.

Marcatori di pagina: nell’elaborazione dei testi del tuo sito web non dimenticare di utilizzare i marcatori di pagina per sviluppare testi chiari e di semplice lettura per gli utenti e facilmente leggibili anche dagli spider dei motori di ricerca. I marcatori sono i cosi detti H1, H2 e seguenti con i quali potrai segnalare con maggiore efficacia i tratti salienti e gli argomenti fondamentali delle pagine.

Una volta che avrai svolto questa serie importantissima di attività preliminari ti consiglio di tenere il tuo sito in costante aggiornamento aggiungendo sempre contenuti di qualità e potenzialmente interessanti per i lettori. Non dimenticare che anche il numero di visite ha la sua importanza agli occhi dei motori di ricerca. Più verrai letto e più il tuo sito sarà riconosciuto come uno spazio di contenuti chiari ed interessanti e più i motori di ricerca e gli utenti ti premieranno.

Articolo precedenteHiguain dal Napoli alla Juve: alto tradimento
Articolo successivoEstate e abbandono degli animali, cosa prevede la legge?
napoletano ventisettenne. Grafico Illustratore e web Designer, appassionato dell'arte dei colori e della grafica vettoriale. Amante della lettura e della scrittura, studioso delle tecniche di comunicazione digitale di massa. Vive a Napoli dove sviluppa tutte le sue attività sociali e lavorative. Amministratore del portale paginenegozi.it e grande tifoso del Napoli.