Il comitato Quartiere Invisibile Casoria ha lanciato una petizione virtuale, che in queste ore sta circolando sui social, per contribuire a migliorare l’aspetto del nostro comune.

Casoria, ormai soprattutto nei mesi estivi, è un comune abbandonato a se stesso, sporco pieno di mondezza di ogni tipo e con puzza e incendi che si propagano soprattutto di notte.

Tutto questo a totale minaccia dei residenti, soprattutto di quelli che non partecipano “all’esodo” estivo costretti non solo ad assistere allo “spettacolo” deprimente, ma anche a respirare un’aria pesantemente inquinata(come già segnalato in articoli precedenti).

Ecco di seguito quanto pubblicato e visibile attraverso il profilo facebook Casoria Quartiere Invisibile:

In questi ultimi tempi nel nostro territorio ed anche in quelli limitrofi si assiste sempre più spesso a fenomeni di abbandono di rifiuti ingombranti in molte strade della nostra Città, CASORIA.
Si tratta di un illecito, posto in essere da nostri concittadini ma anche da cittadini di altri Comuni, che usano il nostro territorio come un grande cassonetto. 
È un vero e proprio esempio di inciviltà e di menefreghismo, messo in atto da chi non si accorge di danneggiare, oltre che l’ambiente ed il proprio Comune, anche se stesso, perché le spese per le rimozioni dei rifiuti ricadono, inevitabilmente, su tutta la Comunità. 
Le segnalazioni di tanti cittadini che, al contrario di chi abbandona, dimostrano di amare veramente l’ambiente e la città, non hanno alcun riscontro. 
Questa petizione è per informare da un lato e responsabilizzare dall’altro; tale piaga sociale possiamo vincerla solo collaborando tutti insieme, ognuno con il proprio ruolo: Amministrazione Comunale, cittadini ed ente gestore dei rifiuti, per tale motivo è imperativo organizzare un incontro tra le parti in causa per trovare insieme una soluzione. 
Siamo tutti sulla stessa barca, vogliamo tutti una città civile e pulita. 
E tu da che parte stai? 
Questa la domanda da porci e porre ai nostri amministratori.

Condividi su
  • 28
  •  
  •  
  •  
  •  
  •