Oggi, Giovedi 21 Febbraio 2019 dalle ore 09:00 alle ore 18:00 presso la Sala del Capitolo nel Museo di San Domenico Maggiore in piazza San Domenico Maggiore si è tenuto il convegno intitolato “Persone Fragili” – La vita psichica dei migranti forzati tra cura ed esclusione. L’evento ha avuto come tema principale il trattamento delle varie prospettive giuridiche, sociali, cliniche che riguardano l’accoglienza dei rifugiati e dei richiedenti asilo. Uno dei momenti più importanti della giornata è stato la proiezione del documentario “We Care” diretto dall’eccellente regista casoriano Luca Ciriello e scritto dalla psicoterapeuta Monica Ottarda: la visione si concentra sui problemi derivati dai traumi psico-fisici dei migranti e sull’ importanza del supporto dovuto per poter trovare delle soluzioni! L’evento è stato realizzato grazie al patrocinio del Comune di Napoli e dell’ Ordine Psicologi della Campania, e con la collaborazione del Servizio Centrale dello SPRAR. Tante sono state le partecipazioni illustri:
Franco Roberti – Assessore alle Politiche di accoglienza e integrazione della Regione Campania.
Antonella Bozzaotra – Presidente dell’ Ordine degli Psicologi della Campania.
Monica Ottarda – Psicologa e Psicoterapeuta di LESS Coop. Soc.
Antonio D’ Angiò – Psichiatra, Psicoanalista, Gruppoanalista, Professore di Geopsicologia presso l’ Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli
Stefania Abbate – Operatrice sociale progetto IARA – SPRAR del Comune di Napoli
Dimitra Tsekou – Psicologa del progetto AIDA – SPRAR del comune di Procida
Luca Oliviero – Operatore Sociale Cooperativa Dedalus
Manuela Guarnieri – Psichiatra presso l’ UOCSM del Distretti 31 dell’ Asl Na1
Luciano Gualdieri – Medico, Responsabile dello sportello per la Salute degli Immigrati dell’ Asl Na1
Natale Losi – Sociologo, Antropologo, Medico, Etnopsicoterapeuta, Direttore della scuola di Psicoterapia Etno – Sistemica Narrativa di Roma
Durante la mattinata  è stato anche presentato e distribuito il volume ” Persone Fragili – La vita psichica dei migranti forzati tra cura ed eslusione ” . Il territorio partenopeo con il suo impegno si rende sempre protagonista di meravigliose iniziative, il tutto a beneficio degli altri. Il tema delicato dell’ immigrazione viene analizzato in tutte le sue forme, Napoli è sempre molto preparata su temi così empatici e delicati e la città di Casoria ha celebrato ancora una volta e con gioia la presenza di uno dei suoi artisti in questo convegno, Luca Ciriello che con il suo lavoro ha saputo distinguersi per impegno e sensibilità!
Condividi su
  • 107
  •  
  •  
  •  
  •