Home Cronaca & Attualità Paura ad Afragola, una bomba distrugge la rinomata boutique Voyou

Paura ad Afragola, una bomba distrugge la rinomata boutique Voyou

1127
0

Un nuovo gravissimo atto criminale ha sconvolto nella tarda serata di ieri l’hinterland partenopeo. A subire l’inaudita violenza delle cosche in questa occasione è stato il comune di Afragola, teatro di una potente esplosione che ha distrutto la rinomata boutique Voyou. La deflagrazione, come si apprende, è avvenuta nella adiacenze di Corso Vittorio Emanuele, tra le zone più frequentate della città ed è stata avvertita anche dai residenti dei comuni limitrofi di Casoria e Acerra, a dimostrazione dell’inaudita virulenza dell’espulsione che ha notevolmente danneggiato i fabbricati nelle vicinanze.

Torna la paura nell’area nord di Napoli, già scenario di un fatto simile poco meno di un anno fa, quando a Casoria un ordigno aveva distrutto numerose attività commerciali della centralissima via Guglielmo Marconi. Un copione diventato ormai routine per i cittadini della provincia, ormai sotto il giogo della criminalità organizzata che agisce indisturbata alla luce del sole condizionando la vita di casoriani, afragolesi e non solo. Un attentato, quello di ieri, avvenuto a pochi chilometri di distanza dal centro Enel Gas dove lo scorso 12 ottobre è stato fatto esplodere un altro ordigno. Un segnale inquietante per tutti gli abitanti della zona, che hanno visto ripresentarsi l’incubo del racket, tornato a disturbare il sonno dei commercianti già duramente messi alla prova dall’emergenza sanitaria. Nel frattempo, le forze dell’ordine hanno acquisito i filmati della zona per identificare in tempi celeri gli esecutori materiali del gesto.

Articolo precedenteIl volley Casoria stasera in cerca di riscatto a Pomigliano
Articolo successivoOspedale, Ambulatori aperti domenica 14 Novembre per festeggiare la Madonna della Salute
Non penso che tutti i rapporti dei servizi segreti siano scottanti. Alcuni giorni apprendo di più dal New York Times (cit.). Se esiste il diritto di cronaca esisterà anche quello di raccontare, perché un buon giornalista non è quello che scrive, ma quello che parla tacendo.