Home Politica Pasticcio Bilancio, si va verso un nuovo consiglio comunale

Pasticcio Bilancio, si va verso un nuovo consiglio comunale

1009
0

Sono giorni difficili per l’Amministrazione di Raffaele Bene. Lunedì scorso si è tenuto il Consiglio Comunale che aveva all’ordine del giorno l’approvazione del bilancio. 
Un bilancio di un ente in dissesto finanziario ma che non era affatto un documento contabile e finanziario tutto lacrime e sangue. Tanto da ricevere l’apprezzamento dei revisori dei conti. 
Peccato però che durante la seduta del consesso civico si sia consumata una delle pagine più ridicole della storia politica recente di Casoria. 
Passi il cronico ritardo con cui le carte da votare sono state messe a disposizione dell’opposizione – a mia memoria non ricordo nessuna amministrazione che abbia mai consegnato i documenti per tempo, ovvero cinque giorni prima del Consiglio – ciò che ha reso tragicomico lo svolgimento della votazione è stata una banale conversione del file da trasmettere digitalmente ai consiglieri che doveva esserci e non c’era. 
Un errore grossolano in cui è probabilmente incorso qualche dipendente sotto stress mal coordinato da un dirigente distratto e da un segretario generale incapace di coordinare il corretto andamento di una seduta determinante per il futuro dell’amministrazione. 
Risultato il bilancio è stato votato dalla sola maggioranza con l’opposizione che lascia l’aula nella sua interezza minacciando ricorsi per invalidare la seduta. 
In tal caso il Comune rischierebbe una diffida da parte della Prefettura per l’approvazione del bilancio che in soldoni vorrà dire qualche altro giorno per rimettere gli atti nel modo giusto all’attenzione di tutti i consiglieri. 
Intanto trapela dalla Casa comunale tutta la collera del sindaco verso i suoi dirigenti ed una nuova convocazione della Conferenza dei Capigruppo che dovrebbe decidere una nuova convocazione del Consiglio Comunale. 

Articolo precedenteCovid, lezioni sospese alla San Mauro
Articolo successivoVaccino 5-11 anni dove li faranno i casoriani
Ha iniziato l'attività giornalistica come cronista nel 1994, ancor prima di conseguire la Laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II (2003). Formatosi presso il settimanale della Curia Arcivescovile di Napoli "Nuova Stagione" e presso un periodico locale "Casoria Due" distribuito nella provincia a nord del capoluogo, ha svolto numerose collaborazioni quotidiani di rilievo regionale, in qualità di corrispondente dal comprensorio dei comuni a nord di Napoli. Tra le testate dove ha pubblicato propri servizi ed articoli: Il Roma, Il Giornale di Napoli, La Città, Metropolis e presso il quotidiano on-line Napoli.com. A partire dal 1999, all'attività di free lance, ha associato il lavoro presso Uffici Stampa di Enti Pubblici, tra cui la Provincia di Napoli, il Comune di Casoria, il Comune di Qualiano e l'Agenzia "Città del Fare". Nel settore della carta stampata è stato Caporedattore della rivista specializzata nel mondo della disabilità “Noi, gli altri, edita dall'A.I.A.S. (2004); è stato fondatore e direttore del settimanale "L'Urlo" edito nell'area giuglianese (2006) nonché fondatore e direttore del settimanale free press "Laltrolato" pubblicato nell'area nord di Napoli (2008). Nel settore radio-televisivo è stato redattore del radiogiornale di "Radio Ombra Sound" (1998) e collaboratore di trasmissioni di intrattenimento politico presso la televisione locale Tele Club Italia (2007). È stato direttore del Tg dell'emittente web UnicaChannel .