acerra-terra-dei-fuochiIniziato in questi giorni il campionamento di alcuni siti di Acerra indicati come “a rischio” nel decreto interministeriale sulla “Terra dei Fuochi”. I tecnici dell’Arpac e del Corpo Forestale hanno iniziato il prelevamento di campioni su alcuni terreni agricoli. Ricordiamo che la città di Acerra, rientra tra le città più inquinate in Campania, secondo il dossier di Palazzo Chigi presentato per la mappatura destinata all’agricoltura della Regione Campania.

Dal dossier è venuta fuori una sorta di classifica dei veleni: i campi sono stati divisi in cinque gruppi a seconda dell’indice di gravità della situazione. Fanno parte del gruppo cinque, i siti localizzati nei comuni di Acerra, Caivano, Giugliano, Succivo e Villa Literno. Registriamo anche la denuncia di Alessandro Cannavacciulo il giovane acerrano sempre in prima linea nella lotta contro l’ecomafia nel suo comune, che su facebook scrive: “nonostante la certezza degli inquinanti nel terreno nessun organo, ne la massima autorità sanitaria locale , ha provveduto a vietare la raccolta di patate in questo terreno contaminato (pubblicando le foto sul suo profilo), le immagini pubblicate si riferiscono ad un terreno in località calabricito prima e dopo la raccolta. I risultati si conosceranno nei prossimi giorni.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •