Home Napoli Il parco giochi dedicato al piccolo eroe Francesco Paolillo nel degrado totale:...

Il parco giochi dedicato al piccolo eroe Francesco Paolillo nel degrado totale: la segnalazione di un parente a “Il Giornale di Casoria”

89
0

Poche ore fa, è pervenuta al nostro giornale, una segnalazione riguardo allo stato di degrado di un parco giochi sito a Ponticelli, dedicato al piccolo eroe, Francesco Paolillo.

Francesco Paolillo è un ragazzo di 14 anni che nel 2005 è deceduto in seguito ad una caduta dal sesto piano di un palazzo in costruzione a Ponticelli, in via Angelo Camillo De Mei.

Si era recato in questo luogo insieme ad altri amici sfruttando le aree abbandonate e disastrate del quartiere per giocare, ma, nel tentativo di aiutare un coetaneo a scendere da un’impalcatura, ha avuto questo triste destino.

Il Comune di Napoli ha dedicato in sua memoria un parco giochi.

Le strutture. inizialmente tenute in buono stato grazie all’impegno dei genitori che spontaneamente si sono adoperati nel lavoro di manutenzione, hanno cominciato a decadere non appena le stesse sono state affidate al Comune. Alessandro Paolillo, il fratello del ragazzo, a Retenews24 ha voluto segnalare lo stato di abbandono dell’area tra erba secca, giochi rotti e recinzioni danneggiate.

Nonostante i sopralluoghi, le istituzioni hanno deciso di non agire per mancanza di fondi e così un’area creata per svago e sicurezza dei bambini diventa un luogo pericoloso dove non è raccomandabile avvicinarsi visto che, al posto degli edifici del cantiere sono rimasti fossati e materiali di risulta.

Magari le amministrazioni possono imparare dallo spirito e dalla volontà di Francesco, in modo da rendere sicure zone della città che dovrebbero simboleggiare valori positivi e non di degrado e disinteresse.

Articolo precedenteSaggio musicale dell’Ensemble di fiati dell’Associazione Culturale P. Ludovico da Casoria – Nel segno e nel sogno di Pina
Articolo successivoVincenzo De Luca ad Afragola “Sviluppo e lavoro a Nord di Napoli”
Studentessa di lettere moderne presso l'Università degli Studi di Napoli "Federico II". Amante dei libri trattanti la metafisica. Autodidatta nel campo della pittura. La sua passione è sempre stato il giornalismo, e non vede l'ora di realizzarla.