Home Cronaca & Attualità Parco dei Pini Arpino/Casoria: partiti gli interventi per la riqualificazione della zona

Parco dei Pini Arpino/Casoria: partiti gli interventi per la riqualificazione della zona

259
0

Aria di cambiamento nel Parco dei Pini ad Arpino: sono cominciati una serie d’interventi richiesti a gran voce dai cittadini, dai comitati, dalle associazioni ed anche da ex amministratori del comune i quali ritengono che le cose possano cambiare, o meglio, come molti pensano, tornare ai fasti di una volta.

Queste le testimonianze entusiastiche di alcuni residenti.

Molto spesso se il cittadino collabora le istituzioni sono presenti.

Un po’ di impegno da parte di tutti e riusciremo a riportare la normalità al Parco dei Pini”

“Quello che stiamo facendo è per farlo tornare allo splendore di un tempo, ma bisogna collaborare tutti insieme iniziando col tenere pulito il parco dalle cartacce e dalla cacca dei vostri cani , perché non si può nemmeno camminare su un marciapiede ed infine con la raccolta differenziata. Dobbiamo mantenerlo noi il più pulito possibile”

“Ora facciamo il nostro dovere rendendo un parco più civile più peccoribile più disponibile ad una raccolta differenziata a rispettare il proprio territorio non ci facciamo passare per persone inutili e incivili diamo la dimostrazione di saper fare. Rendiamo il nostro territorio più bello senza nasconderci e far finta di niente aiutiamo il prossimo”

Gli interventi riguardano in questa fase, la riparazione e messa in sicurezza di grate di scorrimento acqua piovana e tombini da estendere a tutte quelle non funzionanti o danneggiate; pulizia del perimetri e della parte centrale del parco con smaltimento ingombranti e diserbo; pulizie aiuole e ritiro sacconi sfalci.

Per il futuro si prevedono il rifacimento entro settembre di alcuni lastrici solai per rimediare alle innumerevoli infiltrazioni, ma soprattutto una maggiore presenza di spazzini, nonchè attenzione alla manutenzione sia di aiuole che degli stessi edifici.

Fondamentale per la buona riuscita e la rinascita del Parco dei Pini, sarà il cambio di mentalità dei residenti, la percezione che il bene comune è di tutti e come tale va rispettato, tutelato e ben tenuto.

Chissà che da ora in poi non si possa guardare avanti e magari partire proprio da qui per creare attività laboratoriali, esempi di civiltà e di tutela di aree della città che affidate alle cure dei suoi cittadini vedono nuova vita.

Un sogno, per alcuni irrealizzabile, ma che ormai vincola tutti i suoi attori.

L’amministrazione in primis dovrà mantenere gli impegni presi per quanto di propria competenza e vigilare sulle società di gestione, ed i cittadini, a seguito, dovranno riconquistare la tanto spesso calpestata dignità dimostrando di tenere davvero al proprio quartiere.

Articolo precedentePoliziotto libero dal servizio arresta due rapinatori a Casoria, di cui uno minorenne
Articolo successivoInterventi di deblatterizzazione a Casoria, ecco cosa ha specificato l’assessore D’Anna
Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali (cit.). Fondiamo le prime con l'educazione ed il senso civico , mentre le ali, la speranza di un futuro migliore, si conferiscono con il buon esempio di chi in prima persona si batte per ciò in cui crede. partendo da studi classici ritengo che la scrittura sia un ottimo strumento per farlo.