Conclusa la fase a gironi dei mondiali, sabato 30 giugno partono gli ottavi. La partita clou è indubbiamente quella che apre gli ottavi: Argentina-Francia. Sicuramente il fascino, il prestigio e lo spettacolo che offre questa partita, non è alla pari delle altre 7 partite che si apprestano a scendere in campo agli ottavi.

Una tra Argentina e Francia quindi non andrà ai quarti, il bello e il brutto quando si affrontano 2 grandi Nazionali in un torneo breve e soprattutto in una gara secca. Sarà una partita speciale per Higuain: un argentino nato in Francia, ma che si è sempre sentito argentino, nonostante potesse scegliere la nazionalità francese.

Gli ottavi più equilibrati sono Svezia-Svizzera e Uruguay-Portogallo, dove nessuna è favorita sull’altra. Fisicità (Svezia) contro imprevedibilità (Svizzera), Cavani e Suarez (Uruguay) contro Ronaldo e Quaresma (Portogallo). Da questi 2 match può uscire di tutto e finire anche ai supplementari o peggio ai rigori.

Mentre nelle altre 5 partite previste agli ottavi, l’esito sembra quasi scontato: Spagna-Russia, Brasile-Messico, Belgio-Giappone, Croazia-Danimarca e Inghilterra-Colombia. Spagna, Brasile, Belgio, Croazia e Inghilterra appaiono favorite e non dovrebbero incontrare molte difficoltà per raggiungere i quarti.

Chi faticherà sarà la Spagna, perché avrà una nazione intera contro, affrontando i padroni di casa. Il Brasile, perché il Messico è un avversario ostico e la Germania ne sa qualcosa. Sulla stessa lunghezza d’onda l’Inghilterra: la Colombia si presenta tosta e ha fatto fuori con facilità la Polonia.

Belgio e Croazia pare che non avranno grossi problemi a superare il turno, affrontando le compagini più deboli sulla carta rispetto alle altre. Tutto può essere ribaltato e non sono escluse eliminazioni inaspettate. Per ora il mondiale ci racconta che la qualità dei singoli e delle squadre incluse le più blasonate, è molto bassa.

Tra le eliminazioni eccellenti, spicca senza dubbio la Germania. Nessuno in Italia e al mondo si sarebbe mai aspettato una Germania 4 volte campione del mondo fuori al primo turno. E’ la prima volta che le accade questo in un mondiale. Mai prima infatti la Germania era uscita ai gironi, centrando sempre gli ottavi.

Ma c’era chi aveva previsto tutto 13 giorni prima che il fatto accadesse, il sottoscritto il 14 giugno sul nostro portale lanciò la provocazione, la quale si è avverata. La Germania è stata colpita anche lei dalla sindrome del campione uscente, la quale ha fatto 4 vittime negli ultimi 5 mondiali.

La prima vittima nel 2002 la Francia, la seconda nel 2010 l’Italia, la terza nel 2014 la Spagna e la quarta ora nel 2018 la Germania. Insomma 4 vittime, di cui 3 per 3 mondiali consecutivi. E’ da trovare in fretta l’antidoto. Casualità che ora si menziona, ma chi lo avrebbe fatto prima che iniziasse il mondiale?

 

 

Condividi su
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •