Home Cronaca & Attualità Oltre 3000 firme raccolte per dire no all’Ecodistretto, Casoria compatta oppone il...

Oltre 3000 firme raccolte per dire no all’Ecodistretto, Casoria compatta oppone il suo veto

180
0

“È un dovere opporci alla realizzazione di una struttura che per quanto necessaria per il Comune di Napoli, non può sicuramente nascere nelle immediate vicinanze di abitazioni e scuole della città di Casoria e della municipalità di San Pietro a Patierno.

Contribuisci anche tu, con la tua firma, a dire NO”.

Questo lo spirito col quale l’associazione “Casoria alza la voce” ha lanciato,ed indirizzato al Sindaco di Napoli Luigi De Magistris, una petizione con la quale si fa opposizione alla delibera della Giunta Comunale n. 516 con la qualesi è approvato lo studio di fattibilità condotto dalla ASIA S.p.a. il quale prevede la realizzazione di un Ecodistretto nel quartiere del Comune di Napoli San Pietro a Patierno, al confine con la città di Casoria, nelle immediate vicinanze di zone densamente abitate.

Due modalità per firmare. Si può sottoscrivere la petizione on line sulla piattaforma change.org, grazie alla quale si è gia quasi toccato quota 3000 firme e, per agevolare chi con la tecnologia ancora ci litiga, sono stati allestiti nei giorni 8 e 9 dicembre dei gazebi sia a Casoria che ad Arpino presso i quali si sono raccolte oltre 1000 firme e dove, dato ancora più rilevante, si è anche provveduto ad informare i cittadini di quanto purtroppo molti ignoravano.

Bene quindi, ma non benissimo.

Spirito di rassegnazione, disinteresse o poca informazione si percepiscono anche in iniziative lodevoli come questa, d’altronde anche la presenza della cittadinanza al Consiglio Comunale monotematico è stata scarsa.

Si attendono sviluppi in merito con la possibilità futura di proseguire la raccolta firme se non vi saranno risposte al riguardo.

Casoria alza la voce, ma soprattutto si auspica che “Casoria ed i suoi abitanti” tornino ad alzare la testa.

Articolo precedente“Scintille d’ingegno” un dicembre ricco di esposizioni e talenti casoriani presentati dall’artista “nostrano” Enzo Marino
Articolo successivoLiverpool-Napoli, a caccia del primo exploit azzurro in Oltremanica
Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali (cit.). Fondiamo le prime con l'educazione ed il senso civico , mentre le ali, la speranza di un futuro migliore, si conferiscono con il buon esempio di chi in prima persona si batte per ciò in cui crede. partendo da studi classici ritengo che la scrittura sia un ottimo strumento per farlo.