di Margherita De Rosa – Nella festosa e suggestiva atmosfera della Chiesa del SS. Sacramento in Casoria, come sempre nel periodo che precede la festività liturgica del 20 gennaio, che commemora il pio transito al Cielo di Santa Maria Cristina Brando, fondatrice della Congregazione delle Vittime Espiatrici di Gesù Sacramentato, si è tenuto un concerto di Canti antichi e <nuovi, inneggianti alla Santa e al Natale da poco trascorso, così da trasportare i presenti in una dimensione incantata, che solo la voce dello spirito può infondere nei nostri cuori spesso inariditi dalla routine e dalla ripetitività di un vivere solo apparentemente “vivo”. La serata è stata animata dal professor Ludovico Silvestri, che ha introdotto i diversi momenti delle performance canore, mentre uno spazio iniziale, finalizzato a ricordare l’operato della Madre Santa, è stato riservato al dottor massimo Falcade, che, sul territorio, da tempo, si attiva per la promozione e la conoscenza dei nostri Santi. La bella serata, che ha avuto per protagonisti i piccoli alunni della scuola primaria e le meravigliose voci delle consacrate, ha toccato il suo clou quando sulle note di un bellissimo canto alla Vergine si è prodotta suor Maria Rosaria, la cui voce è realmente voce di Paradiso. Tutti comunque, sono stati encomiabili, grazie anche alla bravura di chi ha diretto i diversi cori, come il maestro Michele Polese, supportato al piano dall’altrettanto eccezionale Nicola Polese, degno figlio d’srte. Stamane poi, un altro momento di alta spiritualità ha segnato questi giorni di preparazione alla citata ricorrenza, con la professione perpetua di ben dieci converse che hanno giurato amore eterno allo Sposo Celeste. A loro vanno gli auguri più fervidi per una vita spirituale ricca di gioie interiori, così che possano essere al servizio del prossimo col giubilo che caratterizzò Santa Cristina; come cittadini poi, il nostro grazie per questi momenti di festa va alla congregazione tutta ed in particolare a Madre Carla Di Meo, che è artefice attiva, con l’instancabile suor Leonia, di momenti così singolari; a lei si affianca l’infaticabile Presiede suor Giocondina, che si adopera con forza d entusiasmo per ogni iniziativa e alle consacrate tutte che stano facendo dell’istituto brando la stella cometa della nostra terra.

 

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •