il giornale di casoria 1Passione e dedizione per il proprio lavoro, voglia di mettere le proprie risorse in gioco per l’arricchimento culturale della comunità. Questi sono i capisaldi che guidano il Gruppo Napolincasa fondato da Carlo De Vita. Un gruppo immobiliare che crede fermamente nella comunicazione e nella potenza che essa racchiude. A dispetto di altre aziende che si fanno pubblicità con manifesti (spesso di cattivo gusto), Carlo De Vita tramite Napolincasa ed il Giornale di Casoria – di cui ne è editore – preferisce utilizzare i propri mezzi per organizzare eventi e manifestazioni che siano veicolo di cultura, per permettere l’aggregazione dei cittadini.

A testimonianza di ciò, basti pensare ai sensazionali 5 eventi sotto la direzione del direttore del giornale Vincenzo Russo che hanno accompagnato i mesi di ottobre e novembre, organizzati per celebrare la canonizzazione del nostro Padre Ludovico. Il Gruppo Napolincasa, il Giornale di Casoria e la Casa di Fiore hanno dimostrato come sia possibile predisporre una coinvolgente serie di manifestazioni per risvegliare le coscienze dei cittadini. Tutti gli appuntamenti promossi dal Giornale e dal Gruppo sono stati sostenuti a costo zero: dalla mostra fotografica e lo spettacolo del Centro Studi “Visione Danza” in Galleria Marconi, alla celebrazione eucaristica con Padre Michele Giuliano e la favola animata di P. Ludovico con Giulio Carfora e gli Araldini di Afragola presso la Casa di Fiore; dal concerto dell’associazione “Estri Armonici” nel Santuario di San Benedetto all’incontro con Don Tonino Palmese nella Basilica di Sant’Antonio.

1781988_10152390488065741_747959543921988878_nUn altro esempio perfetto della dedizione e della voglia di riscatto per la nostra città, è l’asta di beneficenza dello scorso 9 maggio 2013 organizzata dall’imprenditore casoriano. In quell’occasione, presso il My Day della famiglia Paone, i cittadini accorsi poterono trascorrere una serata all’insegna del divertimento e dell’arte grazie ad un mattatore d’eccezione, il comico Antonio Fiorillo. Furono battute all’asta le opere degli artisti della nostra città e l’intera somma raccolta oltre 2.000 euro fu devoluta in beneficenza.

La forza del Gruppo Napolincasa e del suo intero franchising, passando, ovviamente, dal Giornale di Casoria e dalla Casa di Fiore, è quello di credere che ogni attività può e deve contribuire a migliorare e valorizzare la società, e non mirare solo all’ottenimento degli utili per fini personali. Bisogna credere ciecamente nelle possibilità di rinascita di Casoria, ma soprattutto agire affinché il cambiamento professato possa diventare più di una mera favoletta abbozzata dai politicanti in campagna elettorale.

Condividi su
  •  
  •  
  •  
  •  
  •