Home Sport Napoli-Udinese, domani azzurri padroni del proprio destino.

Napoli-Udinese, domani azzurri padroni del proprio destino.

286
0

Un sabato calcistico all’insegna delle prime della classe. Napoli-Udinese aprirà alle 15 uno dei tre anticipi che vedranno protagoniste pure l’Inter, impegnata alle 18 contro la Fiorentina e, in seguito, alle 20.45, il Milan contro il Cagliari. Sicché tocca proprio agli azzurri mandare il primo squillo di tromba capace di mettere ancor di più il fiato sul collo alle altre due dirette inseguitrici, contro le quali non si finisce mai di fare a spallate per la corsa al primo posto. La squadra guidata da Spalletti ha saputo rialzarsi prontamente sull’insidioso campo di Verona, con una vittoria importante non solo per la classifica ma – soprattutto – per il morale. Il brutto stop contro il Milan avrebbe potuto deprimere l’ambiente partenopeo, non c’è riuscito. L’ostacolo ora si chiama Udinese. I friulani navigano in posti tranquilli anche perché vengono da una lunga catena di risultati utili, contornati da buone prestazioni; l’ultima, ottima, partita condotta contro la Roma di Josè Mourinho è probante.
Che tipo di sfida si prospetta, quindi, per il Napoli?, cerchiamo di capirlo insieme.
PRECEDENTI – tra Napoli e Udinese è la sfida numero 80 in Serie A. Partenopei reduci da sette vittorie consecutive interne contro i friulani.
33 VITTORIE NAPOLI; 29 PAREGGI; 17 VITTORIE UDINESE. (125 GOL NAPOLI; 101 GOL UDINESE.)
ULTIMA VITTORIA NAPOLI AL “MARADONA”: 11 maggio 2021, Napoli-Udinese 5-1 (28′ Zielinski, 31′ Fabiàn, 40′ Okaka, 56′ Lozano, 66′ Di Lorenzo, 91′ Insigne)
ULTIMO PAREGGIO AL “MARADONA”: 7 dicembre 2013, Napoli-Udinese 3-3 (38′, 40′ Pandev, 45′ aut. Fernandez, 70′ Bruno Fernandes, 71′ Dzemaili, 80′ Basta)
ULTIMA VITTORIA UDINESE AL “MARADONA”: 17 aprile 2011, Napoli-Udinese 1-2 (10′ Inler, 17′ Denis, 52′ Mascara)
L’ANDATA – 20 settembre 2021, Udinese-Napoli 0-4 (24′ Osimhen, 33′ Rahmani, 52′ Koulibaly, 84′ Lozano). Poker per un Napoli straripante. Dopo aver chiuso il primo tempo col doppio vantaggio, gli azzurri ne fanno altri due nella ripresa. Udinese che ne esce con le ossa rotte dopo le prime tre giornate ad altissimi livelli, gli uomini di Spalletti – invece – raggiungono la vetta in solitaria per la prima volta da febbraio 2018.
STATO DI FORMA – Due vittorie pesanti nelle ultime tre per il Napoli, entrambe arrivate in trasferta, le sole due ottenute nel giro delle ultime sei partite giocate tra campionato e coppa. Gli azzurri continuano ad avere lo status di miglior difesa del torneo (con 21 gol subiti dopo 29 giornate) seppure manchi un “clean sheet” dalla sfida del “Penzo” di Venezia datata 6 febbraio. L’Udinese è reduce da quattro risultati utili consecutivi; pareggi conto Lazio, Milan, e Roma, e vittoria di due settimane fa contro la Samp di Giampaolo. Dal mese di dicembre, con all’attivo tredici partite disputate, i friulani hanno perso soltanto in tre occasioni (Verona, Juventus, Atalanta).
PROBABILI FORMAZIONI -NAPOLI: allarme rientrato per Osimhen, l’attaccante nigeriano si è allenato regolarmente in gruppo. Spalletti dovrebbe – suppergiù – confermare il 4-3-3 di domenica scorsa; un paio di ballottaggi ci sono e vedono favoriti per un posto da titolare lo spagnolo Fabiàn e il capitano Insigne.
(4-3-3): Ospina; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Mario Rui; Lobotka, Anguissa, Fabiàn; Politano, Insigne, Osimhen; allenatore Spalletti.
Ballottaggio: Fabiàn-Zielinski 60%-40%; Insigne-Lozano 55%-45%
Indisponibili: Ounas, Malcuit, Petagna, Meret.
Diffidati: Anguissa, Demme, Osimhen, Koulibaly.
Squalificati: nessuno.
UDINESE: otto degli undici titolari di domenica scorsa vanno verso la riconferma. Ritorna Walace dopo la squalifica. Zeegelaar e Arslan si candidano per un posto dal primo minuto, a farne le spese dovrebbero essere Jajalo e Makengo.
(3-5-2): Silvestri; Becao, Pablo Mari, Zeegelar; Molina, Pereyra, Walace, Arslan, Udogie; Deulofeu, Beto; allenatore Gabriele Cioffi.
Ballottaggio: Zeegelar-Nuytinck 55%-45%; Arslan-Makengo 55%-45%.
Indisponibili: Santurro, Success, Perez.
Diffidati: Molina, Perez, Makengo, Soppy, Pereyra, Becao.
Squalificati: nessuno.
L’arbitro designato è il signor Francesco Fourneau, classe 1984, della sezione Roma 1.Guardalinee: Baccini-Cecconi; IV Uomo: Cosso; VAR: Nasca, AVAR: Vivenzi.

Articolo precedenteOspedale le domeniche della salute
Articolo successivoMarcia per la pace a Casoria